Sidigas, contro Cremona sfida decisiva per il terzo posto in classifica

Sidigas, contro Cremona sfida decisiva per il terzo posto in classifica

Coach Sacripanti chiama a raccolta il pubblico per trascinare i suoi alla vittoria

Commenta per primo!

Ultimi dettagli da sistemare per coach Sacripanti e il suo staff in vista del match clou valido per la dodicesima giornata di ritorno. Un mezzogiorno di fuoco che opporrà sui legni del PalaDelMauro la Sidigas alla solida Vanoli Cremona dell’ex coach biancoverde Pancotto.

Sfida spareggio che, molto probabilmente, consegnerà ai vincitori il podio in regular season e la possibilità di affrontare i playoff evitando, almeno fino alla semifinale, la corazzata EA7 Milano.

La Vanoli è l’autentica sorpresa del campionato. Coach Pancotto è riuscito a plasmare un gruppo granitico, con gerarchie ben definite e personalità da vendere, soprattutto nei finali di partita, molti dei quali vinti con conclusioni allo scadere.

Non ci sarà Luca Vitali, fermato da un infortunio al piede e costretto sotto i ferri. Per il play, vero leader dei biancoblu, almeno 45 giorni di stop.

Assenza importante, ma che non peserà sulle rotazioni di un gruppo che ha acquisito con le vittorie quella durezza mentale propria delle grandi squadre.

In cabina di regia agirà l’ultimo acquisto Starks, talento ex Ferentino, coadiuvato dagli esterni Turner, giocatore solido e completo, McGee, guardia esplosiva, potente, da molti indicato come miglior sesto uomo del campionato e Mian, protagonista di una crescita esponenziale nel girone di ritorno.

Altro giocatore pericoloso è Washington, ala piccola dai grandi mezzi fisici, un tuttofare dalle lunghe leve, capace di 2,2 recuperi di media a partita, ottimo difensore e devastante in campo aperto.

Mix interessante anche sotto canestro per la Vanoli, che può vantare il tiro mortifero da oltre l’arco dei 6,75 di un sorprendentemente continuo Dragovic, ala grande ex Avellino, l’atletismo e la grinta dell’altro ex Sidigas Biligha e l’intimidazione del lungo della nazionale italiana Cusin.

Roster completato dai giovani Gaspardo, Cazzolato e Boccasavia.

Sfida da vivere tutta d’un fiato. Interessanti molti duelli come quelli tra Ragland e McGee, Nunnally e Washington, Cervi e Cusin.

Vincere, però, non basterà. Bisognerà anche ribaltare il -6 subito all’andata dalla truppa biancoverde per conquistare con autorità il terzo posto in classifica e far sognare un pubblico che si preannuncia numeroso sugli spalti del PalaDelMauro.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy