Avellino, pioggia e troppa sufficienza: il Carpi la pareggia nel finale

Avellino, pioggia e troppa sufficienza: il Carpi la pareggia nel finale

A poco più di dieci dal termine il Carpi pareggia il gol di Molina e rischia di vincerla. Un punto che serve a poco per la classifica dei lupi

Vincere e convincere per mettere da parte polemiche e soprattutto i timori di una classifica che inizia a farsi difficile. L’equilibrio regna in serie B e non riuscire a muovere la classifica è un peccato troppo grave. Punti che Novellino vuole mettere in cascina senza bomber Ardemagni e con un terminale offensivo affidato a Gigi Castaldo supportato da Soufiane Bidaoui.

Una leggera pioggia e un velo di tensione legato al momento difficile dei biancoverdi accompagna gli uomini di Novellino verso il centrocampo nella sfida contro il Carpi valida per la diciassettesima giornata di campionato. Tutto viene squarciato e messo da parte quando Bidaoui scende sulla sinistra e serve Castaldo al centro dell’attacco, la palla però giunge sulla corsa di Molina che è letale. Avellino in vantaggio dopo appena dieci minuti. Il Carpi ci prova a reagire ma l’unico tentantivo è un tiro di Verna che Radu para agevolmente. Gli uomini di Novellino mettono da parte qualsiasi timore e cercando di sviluppare altre manovre offensive per approfittare del momento positivo. I biancoverdi cercano di allargare la manovra per Bidaoui che crea scompiglio tra le maglie biancorosse costrette a fare fallo. Pasciuti cerca Verna in area che non arriva a ribadire in porta per un soffio ma l’Avellino ci prova con tanto possesso palla anche se non riesce a sfondare sulla trequarti. Poche azioni realmente pericolose ma squadre che si contendono la gestione del match a centrocampo. Il primo tempo si chiude con i biancoverdi in vantaggio.

Carpi che prova a cambiare l’inerzia del match al ritorno in campo con Calabro che inserisce N’Zola al posto di Malcore. Dopo appena un minuto e mezzo è però Radu a rischiare di favorire il Carpi. Il portiere dell’Avellino riceve un retropassaggio e non controlla bene il pallone ritrovandosi a dover saltare gli avversari per proteggere la porta biancoverde. Pericolo scampato e Molina cerca di fare il bis ma la sua posizione è troppo defilata e Colombi blocca facilmente. Partita giocata da entrambe le squadre ma che non trova conclusioni in porta da nessuna delle due parti. Al ventesimo della ripresa D’Angelo si mette in proprio sulla sinistra e entra in area, il capitano riesce a liberarsi di tre uomini e conclude in porta ma Colombi è ben piazzato e blocca con facilità. Mancano dieci al termine quando il Carpi decide di fare sul serio e da un inserimento in area di Pachonik Mbakogu riesce ad appogiarla in rete. Avellino scosso dal pareggio e Carpi he ne approfitta con il solito Mbakogu che serve N’Zola in area che mette fuori di pochissimo. L’Avellino ci crede anche ma il terreno pesante e la stanchezza rendono tutto più difficile. Anche l’ingresso di Camarà non cambia l’inerzia di un match che forse a dieci minuti dal termine poteva essere gestito meglio. Un punto che cambia poco nella classifica biancoverde che ora si fa pericolosa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy