Basket: Brindisi perde, agguato al pullman della Scandone Avellino

Basket: Brindisi perde, agguato al pullman della Scandone Avellino

Episodio sconcertante quello accaduto ieri sera, due ore dopo la gara tra Enel Brindisi e Sidigas Avellino. La squadra di ritorno in Irpinia a bordo di un torpedone, dopo pochi chilometri, si è dovuta fermare. Una sassaiola, un agguato e vetri del pullman in frantumi. Indagano i carabinieri di Brindisi per risalire agli autori del gesto.

5 commenti

Anche il basket paga la follia di tifosi che non ci stanno a perdere. In realtà non bisognerebbe chiamarli tale. Si tratta di teppistelli che confondono lo sport e danno libero sfogo alle proprie frustrazioni. Accade a Brindisi dove ieri sera è andato di scena il posticipo della serie A di basket. Ignoti i responsabili da collegare sicuramente alla locale compagine sconfitta da una Scandone sempre più lanciata per la lotta al titolo di Campione d’Italia.

I fatti

La squadra ha appena vinto. Euforia nello spogliatoio. Dopo le interviste, Avellino e la squadra tornano sul torpedone per far ritorno a casa. E’ passata circa un’ora e mezza dalla fine della gara che ha consegnato alla Sidigas la decima vittoria di fila. Pochi chilometri, la squadra abbandona il PalaPentassuglia ed in un attimo una fitta sassaiola colpisce proprio il torpedone. Il vetro anteriore è completamente in frantumi. Attimi di paura. Si teme un agguato. L’autista ferma il pullman. Non lo fa subito ma con difficoltà cerca di mettere gli atleti in sicurezza. Partono le chiamate alle forze dell’ordine. Arrivano immediatamente i carabinieri. Nessun ferito. Ma tanta paura. Un rientro amaro. Bisogna sostituire il pullman. Si perde altro tempo prezioso. La squadra farà ritorno in Irpinia alle 5 di mattina.

Riflessione

Bocche cucite in casa Avellino anche per stemperare l’accaduto. Ma può una partita di basket scatenare la follia di pseudotifosi solo perchè la propria squadra ha perso? Diciamo di no. Il basket a Brindisi, ieri, ha perso l’ennesima occasione. Adesso bisognerà capire come la Giustizia Sportiva si comporterà. Già a Brindisi una palese violazione del regolamento aveva impedito ai tifosi biancoverdi di assistere in massa alla sfida. Pochi biglietti riservati con una polemica che era arrivata fino al Presidente di Lega.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Andrea1961 - 1 anno fa

    Buonasera, sono un supporter dell’ENEL Basket Brindisi, e innanzitutto volevo dire che sono rimasto sconcertato da quanto avete riportato nell’articolo sulla sassaiola al pullman della squadra dell’Avellino, e le assicuro che così come me, anche la totalità dei tifosi brindisini lo sono.
    Sono fatti che non fanno parte del DNA dei supporters del Brindisi, un pubblico che si è distinto negli anni per la sua correttezza, sportività e accoglienza.
    Quello che invece vorrei chiedervi però è il perchè avete pubblicato una foto che appartiene a tutt’altra vicenda in cui non c’entrano nè Brindisi, nè Avellino e neppure il basket?? La foto del finestrino rotto ha una spaventosa somiglianza con quello di un pullman di tifosi bolognesi danneggiato al ritorno da una trasferta………La oosa, oltre ad essere enormemente scorretta da parte vostra, non aiuta a portare chierezza nella vicenda. Urge una vostra puntualizzazione.
    link foto pullman Bologna
    http://www.tuttobolognaweb.it/news/sassaiola-contro-un-pullman-dei-tifosi-del-bologna/

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Davide Baselice - 1 anno fa

      Se lei ha assistito all’episodio, restiamo in attesa di conoscere la reale versione dei fatti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Andrea1961 - 1 anno fa

        Se lo è stato Lei, allora, da buon giornalista dovrebbe documentarlo, altrimenti resti nel campo delle illazioni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Davide Baselice - 1 anno fa

          Le forze dell’Ordine sono già a lavoro per accertare come è andata. Non lavoriamo sulle illazioni

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Andrea1961 - 1 anno fa

            Bene, perchè noi ci auguriamo che la cosa sia un falso scoop.

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy