Castaldo e quella bandiera che non c’è più

Castaldo e quella bandiera che non c’è più

Involuzione tattica e caratteriale. Castaldo non trascina più la squadra. Non è in forma e fallisce occasioni importanti. L’addio è vicino. Ma anche la panchina: da sabato Tesser punterà di nuovo su Tavano

Senatore nello spogliatoio. Ma non nel campo. Castaldo non è più il Castaldo di una volta. Nell’ultimo mese e mezzo ha subìto una involuzione tattica clamorosa. Non gioca più per la squadra e manco per se stesso. Crisi? Di certo dopo quello visto ieri contro la Ternana, Tesser non gli concederà facilmente altre occasioni. Merita riposo, panchina, forse tribuna. Di certo, con l’obiettivo play-off fallito, adesso non avrà più un posto facile nell’undici titolare. A partire già da sabato quando con il rientro di Tavano il tecnico punterà sull’ex empolese al fianco di Mokulu. Cosa succede a Castaldo? Solo lui lo sa ma la sensazione è che le ultime prestazioni e l’atteggiamento in campo stiano spingendo la società a valutare un suo addio a fine stagione. La bandiera di Gigi non sventola più. E’ pronta ad ammainarsi. Nel peggiore dei modi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy