Focusmatch #EntellaAvellino: onorare l’impegno

Focusmatch #EntellaAvellino: onorare l’impegno

Dopo aver messo in cassaforte la salvezza, l’Avellino è pronto ad indossare i panni di arbitro in chiave playoff

Dopo aver messo in cassaforte la salvezza, l’Avellino è pronto ad indossare i panni di arbitro in chiave playoff. Nelle ultime due giornate, infatti, sulla strada dei biancoverdi si imbatteranno Entella (sabato pomeriggio) e Cesena (venerdì 20 maggio), due delle tre squadre (l’altra è il Novara) ancora in lizza per gli ultimi due posti utili per entrare negli spareggi promozione. Le motivazioni in casa biancoverde rasentano lo zero ma l’obiettivo è di onorare al meglio entrambi gli obiettivi. Per chiudere al meglio ed evitare eventuali polemiche in arrivo dagli altri campi. La sconfitta subita in rimonta a Vicenza ha complicato i piani dell’Entella, ma il destino dei liguri è ancora nelle proprie mani. Complice lo scontro diretto tra Cesena e Novara, ad Aglietti basterà battere Avellino e Crotone per avere la matematica certezza di accedere alla postseason. Un’impresa alla portata di una squadra che ha disputato un campionato straordinario e che va sicuramente annoverata tra le grandi sorprese di questa stagione. Merito di una struttura societaria solida, abile a cancellare l’ingiusta retrocessione dello scorso anno. Merito di un allenatore bravo a plasmare un 4-3-1-2 pratico ed efficace che, soprattutto in casa, ha mostrato un calcio divertente e redditizio. Dove si sono distinti sia giovani promosse come Keita (assente contro i lupi per squalifica) che vecchi volponi come Caputo, letale e implacabile nelle aree di rigore avversarie. Anche nella sfida di Chiavari mister Tesser dovrà fare i conti con la solita emergenza. Tra infortuni e squalifiche ci saranno tante assenze. Chi ci sarà dovrà onorare la maglia. Nessuno ci ha regalato niente, niente va regalato. Chi vuole vincere deve sudare fino alla fine. L’Avellino non ha più nulla da chiedere al campionato, giocare senza pressione potrebbe essere un grande vantaggio. Per uscire dal Comunale con gli applausi dei propri tifosi e per zittire chi è già pronto a sparare a zero su un’eventuale sconfitta biancoverde.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy