Frosinone, striscione di morte contro Perin. La risposta arriva dagli ultras del Latina

Frosinone, striscione di morte contro Perin. La risposta arriva dagli ultras del Latina

Botta e risposta a colpi di striscione per una delle rivalità più accese d’Italia

In Italia sono diverse le rivalità tra tifoserie. Ad accendere quella storica tra Frosinone e Latina ci pensa addirittura il portiere del Genoa Mattia Perin. Il portierino della Nazionale dopo aver subito un grave infortunio al ginocchio che non gli permetterà di giocare i prossimi Europei ha ricevuto un augurio davvero di cattivo gusto dai tifosi frusinati. “Perin ancora poche ore oggi il ginocchio… domani il cuore” questo il tremendo augurio al numero uno dei grifoni. La motivazione è presto spiegata: il portiere è originario di Latina e tifoso della squadra che milita in serie B. Dopo essere stato continuo bersaglio dei frusinati durante il match di campionato finito 2 a 2 tra Genoa e Frosinone il portiere ha voluto twittare tutto il suo disprezzo da un velato messaggio tra le righe dei complimenti ai suoi compagni con un: “Chi nasce pecora non può morire leone”. E’ bastato questo per scatenare la furia dei sostenitori del Frosinone che si sono vendicati con lo striscione tanto contestato.

A difendere il loro sostenitore d’eccezione ci hanno pensato i tifosi pontini che nella notte hanno risposto con un altro striscione: “Rifai lo striscione che ti hanno rubato. Auguri la morte a un giocatore infortunato, ancora una volta lo hai dimostrato che tu ultras non lo sei mai stato”. Si attende risposta in una battaglia a colpi di striscione tra due delle tifoserie più in contrasto in Italia.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy