“Il Principe” Giannini nei guai: deferito per illecito sportivo

“Il Principe” Giannini nei guai: deferito per illecito sportivo

E’ arrivato il deferimento sportivo. Dopo 6 anni da quel Gallipoli-Real Marcianise si comincia a fare chiarezza. Quella gara, che portò i pugliesi in serie B, fu alterata. A pagarne le spese, ora, in molti. Tra loro anche l’ex tecnico di quel Gallipoli. Il Principe Giuseppe Giannini, ex bandiera della Roma.

E’ arrivato il deferimento sportivo. Dopo 6 anni da quel Gallipoli-Real Marcianise si comincia a fare chiarezza. Quella gara, che portò i pugliesi in serie B, fu alterata. A pagarne le spese, ora, in molti. Tra loro anche l’ex tecnico di quel Gallipoli. Il Principe Giuseppe Giannini, ex bandiera della Roma. Per quella gara, è arrivato anche il rinvio a giudizio, nell’ambito dell’inchiesta dalla Dda di Napoli, per frode sportiva.

Il provvedimento:

Il Procuratore Federale Aggiunto e il Procuratore Federale hanno deferito al Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare:

Luigi Dimitri, all’epoca dei fatti Direttore Sportivo della Soc. Gallipoli,

Giuseppe Giannini, all’epoca dei fatti allenatore della società Gallipoli,

Salvatore Bizzarro, all’epoca dei fatti presidente della società Real Marcianise,

Michele Murolo, all’epoca dei fatti calciatore della Soc. Real Marcianise,

Massimo Russo, all’epoca dei fatti calciatore della Soc. Real Marcianise,

Riccardo Innocenti, all’epoca dei fatti calciatore della società Real Marcianise,

“per aver in concorso tra loro e con altri soggetti non tesserati prima della gara Gallipoli-Real Marcianise valevole per il campionato di Lega Pro-girone B stagione sportiva 2008/2009, fondamentale per la squadra salentina poiché impegnata per la promozione diretta nella categoria superiore, posto in essere atti diretti ad alterare lo svolgimento ed il risultato della gara suddetta disputata in data 17 maggio 2009, prendendo contatti ed accordi diretti allo scopo sopra indicato attraverso le modalità meglio specificate nella parte motiva; con le aggravanti per tutti i tesserati suindicati della effettiva alterazione dello svolgimento e del risultato della gara conclusasi con il punteggio di 3-2 per la squadra salentina, risultato che consentiva la promozione diretta di quest’ultima nella serie superiore”.
Deferiti inoltre Ciro Ginestra, all’epoca dei fatti calciatore della Soc. Gallipoli, Salvatore Galizia, all’epoca dei fatti calciatore della Soc. Real Marcianise, “per aver contravvenuto al dovere di informare senza indugio la Procura Federale, omettendo di denunciare i fatti integranti illecito sportivo con riferimento alla gara Gallipoli-Real Marcianise del 17 maggio 2009”.
Il deferimento si basa sull’attività istruttoria compiuta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia – della quale è stata data notizia anche da parte degli organi di stampa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy