“Il Verona dovrà avere grande umiltà, l’Avellino non perdonerà un nostro minimo errore”

“Il Verona dovrà avere grande umiltà, l’Avellino non perdonerà un nostro minimo errore”

Pecchia avvisa la sua squadra: “Recuperare Pazzini ci darà maggior fiducia per il match”

Commenta per primo!

Quattro punti in tre gare giocate. Un ruolino di marcia che necessita di una scossa dopo lo stop di Benevento della scorsa settimana. Per l’Hellas Verona di Fabio Pecchia quella contro l’Avellino, di cui conserva dei ricordi indelebili (leggi qui), è un primo esame di maturità per chi ha la pressione di dover fare risultato. Il tecnico gialloblu mostra grande rispetto per gli avversari ma in conferenza stampa chiede ai suoi ragazzi un atteggiamento diverso partendo dal concetto di umiltà: «Bisogna fare di più e meglio contro l’Avellino tutti e nessuno escluso. Dopo la gara di Benevento, le sensazioni che abbiamo avute e trasformarle in energie positive. Dobbiamo sfruttarla come un’occasione di crescita».

Debolezze gialloblu: «Alla prima disattenzione ci puniscono e si crea qualche difficoltà. In queste prime partite è andata male. Dopo la vittoria di Latina sembrava già che la squadra avesse stravinto il campionato. Ogni gara è diversa: l’abbiamo provato sia a Salerno sia a Benevento ma non ci siamo riusciti. Dobbiamo capire in cosa non siamo bravi, qual è l’errore da migliorare e anche in fretta».

Avellino: «E’ una squadra che ha giocatori esperti e forti in attacco. Proveranno a fare la loro gara coi loro mezzi. Dovremmo essere alla pari degli irpini per aggressività. Servirà grande umiltà per batterli, potendo contare sui nostri tifosi».

Possibili novità nell’undici tattico: «Cherurbin sarà tra le possibili novità. Sono contento anche di Troianiello e Maresca anche se non sono al top della condizione».

Avvio di campionato: «E’ una parte iniziale di assestamento. Tutte le squadre devono trovare i loro ritmi e la loro stabilità fisica e tecnica. Devo pensare alla mia squadra. Dopo il ritiro abbiamo avuto qualche difficoltà. Non lo nascondo».

Pazzini convocato: «Sono felicissimo che ci possa essere. “Pazzo” è fondamentale come  punto di riferimento. Stamani l’ho visto bene. Vedremo domani».

Siligardi: «Luca ha fatto la differenza in serie B, ha dimostrato il suo valore. Ricordiamo cosa ha fatto a Livorno. E’ stato penalizzato perché dopo la gara col Foggia ha avuto dei problemi fisici che non lo hanno ancora portato al top della condizione».

Condizione Zuculini: «E’ entrato con la Salernitana e dopo 5’ ha preso un duro colpo al ginocchio. Da domenica sarà a disposizione col gruppo».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy