Serie B – Avv. Grassani:”Ora rimane aperta solo la strada del risarcimento”

Serie B – Avv. Grassani:”Ora rimane aperta solo la strada del risarcimento”

di Redazione Sport Avellino

Quest’oggi dinanzi al TAR del Lazio andrà di scena  l’udienza riguardante l’esclusione dell’Avellino calcio dal campionato di Serie B, intanto le cinque squadre che si sono viste respingere i ricorsi continuano la proprio battaglia legale contro il format a 19 squadre, ritenendo la decisione assunta da Mauro Balata sbagliata e priva di qualsiasi fondamento giuridico.

Sulle pagine della Gazzetta dello Sport, l’avvocato Mattia Grassani, legale che ha seguito il Novara calcio ribaltando la delibera che vedeva i piemontesi esclusi dai criteri di ripescaggio per gli illeciti amministrativi compiuti nella stagione 2016-17, ha espresso il proprio parere sulla configurazione del campionato di Serie B a 19 squadre: “I motivi di questo cortocircuito sfuggono anche agli addetti ai lavori. Il problema è nato banalmente a giugno intorno all’interpretazione di un capoverso del Comunicato 54 della Figc (quello sui criteri di ripescaggio), è sfuggito di mano ai vari organi che se ne sono occupati, un po’ come il «caso Martinelli» del 2003, quando la B passò da 20 a 24. 

Tutti ci aspettavamo una pronuncia di merito, l’inammissibilità non rientrava tra le ipotesi plausibili. Il tempo è fondamentale nei procedimenti di ripescaggio, quel mese rischia di vanificare ogni sforzo compiuto dai club. Ora rimane aperta solo la strada del risarcimento.

 Il Collegio di Garanzia, esauriti i gradi interni, opera quale organo di terza istanza, in funzione di giudice di legittimità. Per il secondo, invece, quando non sono previsti rimedi interni alla Federazione, si ricorre direttamente al Collegio di Garanzia, quale giudice di 1° e unico grado. Ma, anche fosse, possibile che la Cassazione dello sport ci metta un mese per deliberare che non può giudicare in quanto le società ricorrenti hanno sbagliato giudice?”.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy