Taccone: “Dispiace per Tesser. Ora è finita la pacchia, chi non fa il professionista verrà messo da parte”

Taccone: “Dispiace per Tesser. Ora è finita la pacchia, chi non fa il professionista verrà messo da parte”

Le parole del patron biancoverde sull’esonero di Tesser e sulla nuova avventura targata Marcolin

A poche ore dall’esonero di mister Tesser sulla vicenda lascia qualche dichiarazione anche il presidente Walter Taccone intervenuto come ospite alla presentazione del libro “Il campionato degli italiani” al Circolo della stampa di Avellino. Il patron biancoverde Tutti i giornalisti e gli opinionisti si sono inventati che c’era una diatriba tra me e il mister. Chi da spazio a queste voci che sono destabilizzanti per l’ambiente. Tutte fesserie che confondono i tifosi. Io ringrazio il mister per quello che ha fatto è venuto qui si è messo in discussione con una squadra nuova dall’alto della sua carriera esemplare. Ha lavorato alla grande ed è vero ma purtroppo i risultati non erano in linea con le speranza mie, della tifoserie a anche del mister stesso. Quando le cose non vanno bene non si possono mandare via 12 o 15 giocatori si fa una scelta, non di uomini e non di capacità ma una scelta di dare un taglio ad un andamento sbagliato. Chi arriva fa le sue valutazioni e faccia capire a tutti che è finita la pacchia e chi non fa il professionista al cento per cento sicuramente verranno messi da parte. Si farà le sue idee senza che nessuno di noi gli dirà nulla. Chiediamo al mister una rosa agguerrita dato che abbiamo quantità e qualità.

Sulla squadra del prossimo futuro il presidente ha le idee chiare: “Mi aspetto una reazione anche nervosa perchè nessuno è più certo di guadagnarsi il posto in squadra perchè in campo andrà solo chi suda la maglia giocherà indipendentemente dai meriti acquisiti finora. Si riapre un nuovo campionato dove tutti partono da zero sia il mister che i giocatori. Tutti sono in gioco nel senso che perdono tutti i giocatori i meriti acquisiti finora, i privilegi acquisiti, le considerazioni acquisite dal vecchio staff. Il tecnico ha la fortuna di scegliere tra 20 giocatori escludendo i portieri per 10 posti in campo ogni domenica e avrà la possibilità di sceglierli in piena autonomia come ha fatto Tesser”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy