Tavecchio e Sibilia presentano la nuova Serie B-1 e la Serie B-2

Tavecchio e Sibilia presentano la nuova Serie B-1 e la Serie B-2

Pronta l’ennesima rivoluzione del calcio professionistico in Italia. La commissione dei “Profili di rischio nel calcio”, ha lavorato alla riforma dei campionati italiani di Serie B, Serie C e Lega dilettanti.

di Michelangelo Freda, @m_freda21

Pronta l’ennesima rivoluzione del calcio professionistico in Italia. La commissione dei “Profili di rischio nel calcio”, ha lavorato alla riforma dei campionati italiani di Serie B, Serie C e Lega dilettanti. La commissione ha presentato alla FIGC un progetto che stravolgerebbe completamente l’attuale funzionamento dei campionati.

Ecco in cosa consiste: l’attuale Serie B muterebbe il numero di squadre partecipanti che da 22 passerebbe a 18/20 squadre. Scomparirebbe la Serie C/Lega Pro, che muterebbe la propria forma in una B-2 composta da 36/40 squadre divise in un doppio girone. Fra la B-2 e la Serie D si inserirebbe un nuovo campionato semiprofessionistico, una sorta di antica C2, ma chiamata dalla commissione un campionato “d’élite” che sarebbe costituita da 2/3 gironi con sgravi fiscali per le società coinvolte, volti a tutelare i posti di lavoro con soddisfazione del sindacato per i giocatori. Questo campionato con sgravi fiscali eviterebbe quello che negli ultimi anni accadeva con troppa facilità, cioè l’impossibilità di alcuni club d’iscriversi alla stagione successiva, rinunciando alla partecipazione e a discapito degli stipendi dei tesserati ed addetti ai lavori e compromettendo lo svolgimento di un campionato regolare.

Tavecchio conta sull’aiuto di Cosimo Sibilia per presentare il progetto di riforma nel momento in cui le leghe di Serie A e Serie B avranno costituito i propri organi d’amministrazione, attualmente entrambe le leghe commissariate e senza punti di contatto per procedere all’elezione di un nuovo presidente.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy