Avellino Calcio – Chi è Bryan Cabezas: i numeri e le giocate dell’asso sudamericano

Avellino Calcio – Chi è Bryan Cabezas: i numeri e le giocate dell’asso sudamericano

Bryan Alfredo Cabezas Segura (Quevedo, 20 marzo 1997) è ufficialmente un lupo. Scopriamo insieme il nuovo talento dell’Avellino

di Gianni Nardone, @GianniNardone7

Bryan Alfredo Cabezas Segura (Quevedo, 20 marzo 1997) è ufficialmente un lupo. Con lui mister Novellino ha finalmente a disposizione un elemento in grado di far rifiatare gli esterni e allo stesso tempo spaccare la partita. Centrocampista dalle spiccate doti offensive, è tutt’ora considerato uno dei più promettenti talenti del calcio internazionale. Noi di SportAvellino, abbiamo provato a fare un quadro su quella che è stata fino ad ora la carriera del calciatore nato in Ecuador, snocciolando i numeri, analizzando la storia, ammirando le giocate e fantasticando su un suo utilizzo nell’attuale 11 di Walter Novellino.

LA STORIA

Cabezas effettua la trafila delle giovanili, a partire dal 2009 con la Segundo Hoyos Jacome (Under12), per poi passare al Norte América (Under14) nel 2010. Nel 2011 entra nel vivaio dell’Independiente del Valle e nel 2013, a 16 anni, esordisce in massima divisione contro l’Emelec. Disputa dunque tre campionati con l’Independiente del Valle, arrivando anche a giocare la finale della Coppa Libertadores 2016, persa poi contro l’Atlético Nacional. Leggendaria è però la doppia semifinale di quella competizione, contro lo strafavorito Boca Juniors di Tevez. Cabezas si rende letteralmente protagonista del doppio confronto, siglando una doppietta nella partita d’andata e un’altra rete, nel tempio de “La Bombonera”, nella partita di ritorno. Il 6 agosto 2016 l’Atalanta lo acquista per 1,8 milioni di euro e lo fa esordire in Serie A il 15 aprile 2017, contro la Roma, unica gara disputata da Cabezas con i bergamaschi. In estate 2017, infatti, l’Atalanta lo cede in prestito al Panathinaikos, con cui Cabezas esordisce in Europa League, siglando anche due reti, prima di essere girato all’Avellino.

LA NAZIONALE

Nel 2013 gioca 4 partite nell’Ecuador Under17. Nel 2017 esordisce in Under20, giocando da titolare nella partita persa per 1-0 contro il Brasile. Il 21 gennaio segna il suo primo gol in Under20, nella vittoria per 4-3 contro la Colombia. Nel febbraio 2017 esordisce in nazionale maggiore. Nel maggio 2017 partecipa al Mondiale Under20, in cui spicca la sua doppietta contro gli Stati Uniti e altre due prestazioni di spessore nel girone, prima dell’eliminazione della sua nazionale. In 12 partite giocate con la maglia della Nazionale Under20, il ragazzo ha siglato ben 7 reti.

RUOLO E CARATTERISTICHE TECNICHE

Eccellente nella corsa, bravissimo nell’uno contro uno, Cabezas è un centrocampista atipico, di fascia e piede mancino. Predilige giocare sulla sua fascia di competenza, ma non disdegna di essere adattato a destra. Non fa certo del fisico il suo punto di forza, ma è agile e scattante, dimostrando sempre un buon passo e gioco di gamba. Fantasia ed estro, uniti ad una capacità disumana di andar via nello spazio, sfruttando la sua corsa da centometrista. Nonostante le caratteristiche da comune giocatore veloce e poco preciso balisticamente, Cabezas ha più volte dimostrato di saper essere un buon assistman, soprattutto grazie alla sua giocata tipica: Doppio passo per saltare il diretto marcatore e cross col mancino dal fondo. Arma letale. Curiosità: Cabezas è presente in Fifa18 e ha un valore generico di 72, che per chi non se ne intende è un dato da promessa della serie A. Tra gli altri valori, spicca un 83/99 in velocità massima. Un fulmine.

COLLOCAZIONE NELL’ AVELLINO

A giudicare dalle sue caratteristiche, Cabezas potrebbe essere utilizzato come esterno alto in un 4 – 2 – 3 – 1 a trazione offensiva, come ala in un attacco a tre, ma anche come esterno di centrocampo in una mediana a quattro. Mister Novellino lo ha chiamato alla sua corte soprattutto per sfruttare la sua duttilità. Potrà infatti essere utilizzato sia a sinistra, per far rifiatare, o addirittura concorrere a un posto da titolare con Bidaoui, ma anche a destra, nell’attuale posizione di Molina, dove Cabezas ha già dimostrato di poter adattarsi, tentando la tipica giocata di rientro e tiro col sinistro. Il sudamericano ha dato chiara dimostrazione di questa dote in Europa League, dove ha trovato un gran gol contro l’Atletico Bilbao. Meno consono per Cabezas, invece, appare il ruolo di trequartista centrale, a sostegno della punta. In quella posizione, quella di Morosini per intenderci, il ragazzo perde molte delle sue doti atletiche, in primis la velocità, e potrebbe sfruttare soltanto quelle tecniche: dribbling e agilità nello stretto. Appare però probabile che Novellino sia deciso a provarlo anche in quel ruolo, dove col rientro di Gavazzi, sembrano esserci più alternative e possibilità di ridare fiato e minutaggio a tutti. Sinistra, destra o centro che sia, Cabezas sembra, a tutti gli effetti, quel rinforzo di cui questa squadra aveva bisogno, che porterà fantasia e imprevedibilità. Speriamo dunque che, come ha detto qualcuno, il talentino sudamericano ci faccia divertire.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy