Avellino, oggi il giorno della firma per altri due rinforzi

Avellino, oggi il giorno della firma per altri due rinforzi

Due incontri da chiudere per il direttore sportivo biancoverde per puntellare centrocampo e attacco

Sarà una settimana importante per il calciomercato di cadettaria e anche per l’Avellino che è all’opera da diverso tempo per arrivare definitivamente a chiudere diversi accordi. Oggi è il giorno di Leonardo Gatto e di Niccolò Belloni rispettivamente di proprietà dell’Atalanta e dell’Inter.

Niccolò Belloni, classe 94, lo scorso anno ha giocato con la Ternana ed aggisce prevalentemente come cursore di destra sulla linea dei centrocampisti. Il calciatore ha le qualità anche pr cambiare fascia e giocare centralmente. In serie B ha giocato 62 incontri visto anche la permanenza nel Modena e nella Pro Vercelli realizzando in totale 5 reti. Belloni è stato convocato, oltre che con l’under 20 e l’under 17 con la B Italia con la quale è andato a segno anche 2 volte.

Leonardo Gatto arriva da un anno travagliato con la Salernitana dove non ha trovato molto spazio. Il giovane classe 92 ha dimostrato però di avere un ottimo repertorio e non è stato cercato solo dall’Avellino per la prossima stagione. Il giocatore rende al meglio in un tridente d’attacco partendo dal versante sinistro ma non disdegna l’impiego a destro o da centrale per favorire l’inserimento degli esterni. Anche per Gatto presenze con la B Italia ma anche due convocazioni con l’Under 21 che certificano il potenziale del giovane in arrivo ad Avellino.

I due giocatori sono pronti a mettere nero su bianco anche se si dovranno definire ancora alcuni punti. Per Gatto ci sarà un prestito da parte dell’Atalanta con la possibilità di riscattare il giocatore a fine stagione. L’Avellino vuole valutare insieme agli orobici sulla cifra del riscatto mentre nel caso di Belloni i biancoverdi vorrebbero strappare qualcosa in più del semplice prestito secco.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy