L’Avellino 2016-2017? Meno italiani e più stranieri: ecco chi saranno

L’Avellino 2016-2017? Meno italiani e più stranieri: ecco chi saranno

Ufficializzato Omeonga, sono in dirittura d’arrivo le firme di altre giovani promesse

Dopo l’acquisto di Omeonga (leggi qui) e la certezza dell’arrivo dell’esterno d’attacco Camara, (leggi qui) l’Avellino continua a puntare sui giovani provenienti dalle big di serie A. Visti i buoni rapporti con l’Atalanta e l’Inter il direttore sportivo Enzo De Vito ha praticamente chiuso l’acquisto in prestito di Patrick Asmah e Isaac Donkor (leggi qui). Asmah è ghanese classe 1996, terzino sinistro naturale, ma adattabile a destra o, addirittura, come mediano davanti alla difesa, dotato di una grande corsa e un discreto piede sinistro. Isaac Donkor è molto più conosciuto avendo indossato la maglia del Bari nella stagione attuale. Utilizzato da Camplone come terzino destro, il giovane ghanese, con Toscano potrebbe tornare a giocare nel suo ruolo naturale, ossia centrale destro difensivo. Ma l’arrivo dei “colored” non finisce quì, infatti il direttore generale sta premendo con la società milanese per l’arrivo in prestito di Yao e Gnoukouri. Il primo difensore centrale e protagonista con la maglia del Crotone nella cavalcata verso la serie A, si è reso protagonista di un’ottima annata attirando a se le attenzioni di diverse squadre di B ma anche di serie A. Per quanto riguarda Gnoukouri, il suo arrivo sarebbe la ciliegina sulla torta. Il centrocampista ivoriano anche lui classe 1996 nelle poche apparizioni con la maglia dell’Inter ha giocato da regista davanti alla difesa. Possiede un’ottima visuale di gioco e grande corsa. Cercato da Bologna Crotone e Carpi sarà difficile strapparlo alla concorrenza, ma l’Avellino proverà fino alla fine a portarlo alla corte di Toscano. Mai nella storia dell’Avellino ci sono stati tanti giocatori di colore. Speriamo a fine campionato di poterlo dire; Avellino il “nero” ti dona!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy