Lupi, il mercato non finisce mai: sirene siciliane per Davide Biraschi

Lupi, il mercato non finisce mai: sirene siciliane per Davide Biraschi

Il difensore romano piace al diesse Foschi

Sirene provenienti dalla serie A per il difensore classe ’94 Davide Biraschi. Il Palermo avrebbe messo gli occhi sul difensore irpino per andare a rinfoltire il reparto difensivo soltanto nel caso in cui dovessero partire sia il costaricano Giancarlo Gonzalez, richiesto dallo Zenit San Pietroburgo, sia il talento Goldaniga, richiesto da mezza serie A ma che nel frattempo dal ritiro giura fedeltà ai rosanero. Molto importanti a riguardo sono state le dichiarazioni dell’agente del calciatore irpino, Michelangelo Minieri, che intercettato da RGS (Rassegna Giornale Sicilia, ndr) ha confermato l’interesse che il direttore sportivo Rino Foschi nutre nei confronti del difensore ex Grosseto. Queste le dichiarazioni dell’agente: “Con l’Avellino abbiamo un rapporto quotidiano, ogni valutazione su Biraschi sarà fatta insieme al club irpino. Palermo resta una piazza appetibile per i giocatori, è una città dove i tifosi sono molto caldi e la società è solida. Appuntamenti con i rosanero non ne abbiamo, ma c’è stato soltanto qualche contatto telefonico. Foschi lo conosce, se dovesse arrivare un’offerta faremo la nostra scelta. Il ragazzo viene da un’annata importante in B, ha avuto diverse attenzioni da club di categoria superiore. Ad oggi fa parte dell’Avellino, una delle società più importanti e meglio strutturate della serie cadetta. Se ci dovesse essere la possibilità di approdare in un club di A valuteremo con il club. Davide è giovane, ha ancora tempo per migliorare. Può giocare sia da difensore centrale che terzino, la difesa a tre lo agevola. La forza e la determinazioni sono le sue caratteristiche migliori”. Un semplice pour parler fra le parti dunque, attraverso il quale il Palermo ha cominciato a sondare il terreno sul calciatore.

Antonio Maffei

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy