Calcio e aiuti di Stato: tremano alcuni top team europei

Calcio e aiuti di Stato: tremano alcuni top team europei

Dura la presa di posizione dell’ UE

Bruxelles colpisce duro. Il Commissario Europeo per la concorrenza, Margrethe Vestager, ha infatti reso noto che sette club spagnoli, appartenenti alla Liga, sono stati riconosciuti colpevoli di aver ricevuto illegittimi aiuti di Stato e, pertanto, saranno costretti a restituirli al Governo.

Le squadre sulle quali piove quest’accusa sono:

– Real Madrid

– F.C. Barcellona

– Athletic Bilbao

– Atlético Osasuna

– Elche

– Hercules

– Valencia

Una prima inchiesta riguardava i “privilegi fiscali” concessi a Real Madrid, F.C. Barcellona, Athletic Bilbao e Atletico Osasuna. Questi club per circa venti anni hanno pagato le tasse venendo considerati organizzazione non governative poiché in Spagna i club di calcio professionistico sono considerati come società a responsabilità limitata ai fini fiscali. Questi quattro team, tuttavia, pagano una aliquota del 5% più bassa (25% invece del 30%). Un trattamento che Bruxelles ha ritenuto assolutamente ingiustificato. La Spagna ha nel frattempo adeguato, da gennaio 2016, la sua legislazione in materia di tassazione delle imprese per porre fine o, almeno, limitare questo trattamento discriminatorio.

All’interno del documento, elaborato dalla Commissione Europea, possiamo leggere che: “Using tax payers’ money to finance professional football clubs can create unfair competition. Professional football is a commercial activity with significant money involved and public money must comply with fair competition rules. The subsidies we investigated in these cases did not.”

 “Usando i soldi dei contribuenti, per finanziare i club di calcio professionisti, sono in grado di creare una concorrenza sleale. Il calcio professionistico è un’attività commerciale con un significativo giro economico e il denaro pubblico deve essere conforme alle regole della concorrenza leale. Le sovvenzioni che abbiamo studiato in questi casi non hanno rispettato i parametri.”

 Nella seconda parte del documento elaborato, ci imbattiamo nel sospetto che il trasferimento di terreni da parte del Real Madrid verso il Comune di Madrid siano stati oggetto di una sovrastima cosi da creare un vantaggio ingiustificato di diciotto milioni di euro. Decisamente troppi per l’Antitrust prontamente intervenuta.

Infine l’Istituto Valenciano de Finanzaz (IVF), banca controllata dalla Comunità Valenciana, quindi di proprietà statale, ha elargito aiuti per venti milioni al Valencia, sei milioni al Hercules e 3,7 milioni al Elche.

La stessa indagine è stata svolta anche per alcune squadre di calcio dei Paesi Bassi. La Commissione ha constatato che quattro club (FC Den Bosch, MVV Maastricht, NEC Nijmegen e Willem II, Tilburg) hanno ricevuto aiuti ma che il supporto economico è in regola con le disposizioni sugli aiuti di Stato. Una transazione terreno riguardante il PSV Eindhoven coinvolto alcun aiuto che ha avuto luogo a condizioni di mercato.

Il Commissario Margrethe Vestager, ha dichiarato a proposito dell’indagine olandese che: “La Commissione deve assicurarsi che la concorrenza economica tra i club non sia falsata dallo Stato. Sussidi per pochi eletti. Nei casi olandese, abbiamo scoperto che le misure di osservate in materia d’ aiuti di Stato non falsino la concorrenza.”

 Qui è possibile leggere i documenti elaborati dalla Commissione Europea:

 State aid: Commission clears support measures for certain football clubs in the Netherlands

 State aid: Commission decides Spanish professional football clubs have to pay back incompatible aid

 

13617989_1172815782782216_1295302516_n         13595953_1172815849448876_286944413_n

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy