Il QPR si offre di salvare i bambini dalla giungla di Calais

Il QPR si offre di salvare i bambini dalla giungla di Calais

1.500 bambini sono stati lasciati per giorni, alla periferia del campo smantellato di Calais in Francia, presumibilmente senza cibo né acqua sufficiente. Mentre il governo britannico e francese ‘negoziano’ sul cosa fare con loro, il QPR (Queens Park Rangers) si è offerta di inviare una flotta di pullman per portare i bambini rifugiati nella giungla di Calais nel Regno Unito.

1.500 bambini sono stati lasciati per giorni, alla periferia del campo smantellato di Calais in Francia, presumibilmente senza cibo né acqua sufficiente, mentre il governo britannico e francese ‘negoziano’ sul cosa fare con loro.

Il QPR (Queens Park Rangers) la squadra di calcio inglese militante nella Championship, si è offerta di inviare una flotta di pullman per portare i bambini rifugiati nella giungla di Calais nel Regno Unito.Il politico laburista Lord Alf Dubs ha mostrato i piani per salvare i bambini con l’assistenza del QPR in una lettera al ministro degli Interni Ambra Rudd e l’ambasciatore francese, Sylvie Bermann, tutto questo lunedì 31 ottobre.Queensparkrangersfclogo.svg

Il QPR ha confermato al The Independent l’offerta fatta, ma ha sottolineato che in questa fase è stata “solo un’offerta”. Il piano dovrebbe essere approvato sia dal governo britannico che da quello francese, al fine di andare avanti la missione umanitaria di soccorso.

L’operazione si concentrerebbe verso i bambini sotto i 12 anni, bambini che rientrano nello lo status di rifugiato in Gran Bretagna, onde evitare che possano cader vittima dello sfruttamento sessuale. Questa la priorità.

La situazione in Francia non è delle migliori, la situazione nella giungla di calais, attualmente smantellata in parte mostra le difficoltà dello stato francese a tener a freno questo movimento migratoria imponente.

Ora si aspetta solo l’accordo fra il Regno Unito e la Francia.

2AF70F8600000578-3179958-image-a-52_1438266452167

 

Ma le parole di Alex Fraser, direttore della croce rossa inglese sono chiare:”Il nostro lavoro non è finito se i bambini idonei a essere nel Regno Unito restano in container in mezzo a ciò che resta della giungla di Calais. Il nostro messaggio è chiaro: questi bambini sono i benvenuti nel Regno Unito e dovrebbero essere portati qui al più presto possibile “.

refugee-sign_mqp08rp6gl391je35b0gb36t6

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy