“Iran, caso shock: rischia l’esclusione da Russia 2018”

“Iran, caso shock: rischia l’esclusione da Russia 2018”

Una ingerenza politica del governo iraniano rischia di far saltare la partecipazione all’appuntamento con la Fifa

Commenta per primo!

Mancano poco meno di cinque mesi al taglio del nastro per i Mondiali 2018 in Russia. Come noto l’Italia non prenderà parte alla manifestazione alla luce dell’eliminazione nel turno di playoff perso contro la Svezia. Nelle ultime ore – tuttavia – si torna a parlare di qualche squadra che potrebbe rischiare di restare a casa e non salire sull’aereo per Mosca. Il tutto per una questione politica: si tratta della Nazionale dell’Iran con al centro il centrocampista Masoud Shojaei.

Come riferisce SportMediaset, infatti, il giocatore nel luglio 2017 era un tesserato del Panionios, formazione inserita nel tabellone del terzo turno preliminare di Europa League che la metteva di fronte al Maccabi Tel Aviv. Nel match d’andata in Israele Shojaei ed Hajsafi (un altro compagno di squadra di nazionalità iraniana) non prendono parte alla gara senza che venga reso ufficialmente nota la spiegazione della loro assenza. Nel match di ritorno i due calciatori saranno obbligati a giocare la partita venendo ripresi dalle immagini tv mentre stringono la mano ai colleghi del Maccabi. Un gesto che ha mandato su tutte le furie lo stato dell’Iran che non riconosce come stato quello di Israele. Da quella partita Shojaei non è stato più convocato con la sua Nazionale di appartenenza mentre Hajsafi si è dovuto scusare pubblicamente.

Il vice Ministro dello sport iraniano, Mohammad Reza Davarzani, ha sottolineato la natura politica della decisione: “Certo che Masoud Shojaei e Ehsan Hajisafi non saranno mai invitati a far parte della nazionale perché hanno violato la linea rossa”. Una situazione che ha attirato le attenzioni delle Fifa che potrebbe decidere di estromettere l’Iran dai Mondiali russi per ingerenze governative sulle vicende sportive del Paese. L’Italia resta alla finestra.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy