Alberani, è ancora convinto? O vuole chiedere scusa?

Alberani, è ancora convinto? O vuole chiedere scusa?

Storia di un trio che nel calcio ha fallito. Purtroppo.

di Massimiliano Santosuosso, @MaxSantosuosso

Inadeguati, inappropriati. Semplicemente inutili. E non parliamo stavolta dei calciatori. Parlavamo di chi con presunzione non ha alzato le mani nel momento in cui gli è stato affidato il timone delle scelte. In primis Alberani. Avrebbe dovuto chiamare De Cesare e all’appello rispondere: “Ingegnere, mi spiace. Ma non fa per me. Non ne capisco un tubo”… E invece no. Consigliato male e strumentalizzato peggio, Alberani ha scelto uno sbarbatello come Musa. Che a sua volta ha scelto Graziani come allenatore. I “Tre dell’Ave Maria” in pochi mesi hanno distrutto quello che con presunzione pensavano di aver creato. E cioè il nulla. Un general
Manager prestato al calcio che sceglie un diesse alla primissima esperienza che a sua volta indica un allenatore ormai cotto. Risultato? Vergognoso. L’Avellino non c’è. E non convince. E non riporta la gente allo stadio. A Modena e Bari è rinato l’entusiasmo. Diecimila presenze minimo di media per ripartire. Qui regna l’indifferenza. Regna il silenzio anche di De Cesare che, come per il basket, adotta lo stesso metro di valutazione. Attesa infinita, decisioni lente. Tante riflessioni è indifferente alla sofferenza di una piazza che ieri ha perso davvero la pazienza. Vedersi umiliati in casa propria è qualcosa che non può essere descritto così sommariamente e superficialmente. Nel calcio bisogna agire. Il mercato è aperto e per ora nulla. Silenzi imbarazzanti è una voglia di difendere a spada tratta un allenatore che ormai ha perso la bussola. E poi. Musa sa, che ora, non ha attenuanti sul mercato? Riuscirà a creare una squadra all’altezza? Ha i contatti giusti o chiederà ancora aiuto? E se si, a chi? Fatto è che son rimasti tutti al proprio posto. E Alberani, dopo le dichiarazioni di qualche giorno fa, è ancora convinto di aver detto cose giuste? Crediamo e speriamo di no. Altrimenti anche lui non avrà capito che il calcio non è il basket. Punto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy