Avellino calcio – Toscano deve essere esonerato subito: chi non lo fa è complice

Avellino calcio – Toscano deve essere esonerato subito: chi non lo fa è complice

Non bastano i tre anni di contratto per tenere il tecnico calabrese in sella. Se l’Avellino non reagisce ora è la fine. E la società, che ha fatto cassa fino ad ora, deve ammettere gli errori e scegliere un nuovo allenatore

Chi conferma Toscano sulla panchina dell’Avellino, stasera, è complice. Da Taccone e Gubitosa si attendono delle decisioni definitive stasera. E la scusa del triennale non regge più. Si rischia il baratro. L’Avellino non c’è e al primo avversario degno di tale nome cade di nuovo. Il Vicenza era in crisi (ha esonerato il tecnico), la Pro Vercelli fuori casa non era pervenuta (è arrivata la vittoria). A Perugia l’Avellino non è sceso in campo. Il 3-0 è un risultato bugiardo. Poteva finire in goleada. E le assenze non contano. Non c’è nulla. Non c’è uno schema, non c’è una giocata, la squadra non riesce a fare tre passaggi di fila. Si insiste sul 3-5-2 ma questa squadra, con questi difensori, non può giocare a tre. Se ci si vuole salvare bisogna cambiare. Se ci si vuole salvare serve mettere mano alla tasca e cambiare allenatore. Fino ad ora si è monetizzato dalle cessioni, ora è il momento di decidere cosa si vuole fare. Confermare Toscano significa rassegnarsi. Se a voi sta bene, basta dirlo. Ma chiaramente. Basta dirlo. Il pubblico capirà ed agirà di conseguenza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy