Calcio – Anziano suicida davanti allo stadio: le squadre non giocano per rispetto

Calcio – Anziano suicida davanti allo stadio: le squadre non giocano per rispetto

E’ accaduto ieri a Vane, in provincia di Brescia

Commenta per primo!

Doveva essere una tranquilla domenica di festa. Nave, piccolo paesino in provincia di Brescia. Match valido per la 20esima giornata del campionato di Prima Categoria. La Navecortine avrebbe dovuto affrontare il Bovezzo Calcio. Sono le 12 circa quando i calciatori cominciano ad arrivare allo stadio. ma notano che c’è qualcosa che non va. Un’auto sospetta parcheggiata. Insolita come cosa visto che il match è ancora lontano. Uno di loro si affaccia. E latriste scoperta. Un uomo, seduto al volante, era immobile. E non dava segni di vita. immediata la contemporanea chiamata a carabinieri e 118. Quando i soccorsi sono arrivati hanno constatato che non c’era nulla da fare. L’uomo, 61 anni, con piccoli problemi di depressione, era morto suicida. L’uomo, secondo le prime ricostruzioni delle forze dell’ordine, si sarebbe tolto la vita uccidendosi con il monossido di carbonio. I militari, dopo aver transennato la zona, hanno dato il loro nulla osta alla disputa del match. Ma i giocatori delle due squadre, unitamente ai dirigenti e all’arbitro,  hanno deciso per rispetto di non scendere in campo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy