Calcio Avellino, Giovanni Bucaro: “Felice dell’impatto che sono riuscito a dare alla squadra. Tribuzzi ha tutto per esplodere”

Calcio Avellino, Giovanni Bucaro: “Felice dell’impatto che sono riuscito a dare alla squadra. Tribuzzi ha tutto per esplodere”

Le parole di mister Bucaro ospite in trasmissione Tifare Avellino è uno stile di vita

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

All’indomani della vittoria dell’Avellino in casa dell’Albalonga l’Avellino si prepara per la gara con l’Anzio che arriverà mercoledì al Partenio. A fare un resoconto della situazione in casa biancoverde è stato il tecnico dei lupi, Giovanni Bucaro. L’allenatore, ospite alla trasmissione Tifare Avellino è uno stile di vita, di Irpinianews, ha parlato di tanti temi, di questo primo mese e mezzo ad Avellino.

Queste le sue parole: “E’ difficile quando si subentra dare il proprio impatto immediato ai calciatori. Ricordo a Monopoli che ci vollero mesi per entrare in sintonia con il gruppo. Devo dire che ora ci sono riuscito bene, aggiungendo anche qualche calciatore come Da Dalt, Dionisi, Viscovo e qualche altro, siamo riusciti ad iniziare un discorso importante. Dispiace solo per quel passo falso di Sassari, ma devo dire che sono soddisfatto del  mio inizio. Ieri è stata vinta una gara difficile contro una squadra che era reduce da un filotto importante e quindi è un risultato che ci fa davvero piacere e ci deve spingere a fare ancora meglio. Alfageme? Lo state dando per ufficiale, io fin quando non ci saranno firme non lo do ufficiale. Cinelli lo conosce e quindi mi può dare una mano ad inserirlo. Può fare l’attaccante centrale e l’esterno, quindi è molto duttile, ma aspettiamo a vedere. Viscovo? E’ una scelta mia importante, ho preferito anche l’under tra i pali per avere sia Lagomarsini e l’alternativa under per avere la possibilità di un giocatore di movimento over in campo. A seconda delle partite decideremo chi schierare. Rispetto a quando giocavo e alla prima esperienza da allenatore l’ambiente è sempre lo stesso. Forse solo quando giocavo il Partenio era gremito quasi come la Serie A. All’epoca erano altri tempi, ora inoltre siamo in Serie D e sta a noi riportare il Partenio a quei numeri e a quel calore di una volta. Quando sono venuto il giocatore che mi ha colpito tantissimo è Tribuzzi. Non lo conoscevo e mi ha sorpreso davvero tanto. Se migliora anche dal punto di vista caratteriale può fare anche categorie superiori. E’ giovane e sicuramente qualche peccato di gioventù lo fa, ma ha grandi numeri dalla sua. I gironi della Serie D? Penso che quello campano, siciliano e pugliese sono i più difficili dove si spendono anche soldi. Il nostro è tecnicamente un ottimo girone ma forse inferiore a questi appena citati. Le squadre del girone da temere di più? Io non le ho incontrate all’andata, visto che sono subentrato a breve. Però quando siamo stati in Sardegna, in hotel ho parlato con il tecnico del Castiadas che mi ha detto come secondo lui le squadre più da temere sono Monterosi e Lanusei. Infortuni? Carbonelli sta migliorando e dopo l’Anagni sarà in gruppo, sta recuperando da un infortunio, così come Rizzo che non era ancora pronto per la scorsa gara ma lo sarà a breve. La squadra Juniores? La seguo, stanno facendo un lavoro straordinario e c’è da fare loro solo i complimenti”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy