Casertana, spari contro l’auto di Antonio Vacca. Lo sfogo del giocatore sui social: “Città abitata da gente di m…”

Casertana, spari contro l’auto di Antonio Vacca. Lo sfogo del giocatore sui social: “Città abitata da gente di m…”

Probabilmente una tentata rapina a Secondigliano, è la seconda volta che l’attaccante subisce una cosa simile e si sfoga sui social

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

Serata da incubo per Antonio Vacca, vittima a Napoli a Secondigliano di un tentativo di rapina. Il centrocampista della Casertana avrebbe addirittura rischiato la vita come testimoniato dallo stesso calciatore su Instagram, dove ha pubblicato la foto con il foro sulla carrozzeria provocato dal proiettile sparato dai delinquenti che lo inseguivano per rapinarlo.

Il regista ex Parma, Benevento e Foggia (tra le altre) si è così sfogato sui social, liberando tutta la sua amarezza per l’episodio di cui è stato vittima: “Per la seconda volta mi avete sparato appresso senza sapere se dietro ci fossero le mie figlie. Ma la colpa è mia che metto i gioielli in questa città abitata da gente di m… che prova solo invidia…da domani non metterò più nulla quindi se vedete la macchina sappiate che lo scemo di Antonio camminerà solo con carte di credito…vi ho dato tante possibilità ma non ci siete riusciti!!!”.

Parole che appaiono ancor più dure se pronunciate da un concittadino (Vacca è di Secondigliano, ndr), che in passato aveva spesso e fatto volentieri da scudo sui social verso i tanti attacchi gratuiti di cui spesso è protagonista, ingiustamente, Napoli.

Una terribile vicenda che ha provocato l’immediata solidarietà da parte della sua società, la Casertana, che ha stigmatizzato duramente l’episodio in un comunicato: “La Casertana F.C. manifesta profonda solidarietà nei confronti di Antonio Junior Vacca, la scorsa sera vittima di un vergognoso tentativo di rapina in quel di Napoli. Un atto vile che, per fortuna, non ha avuto alcuna conseguenza per Antonio e i suoi familiari”.

Sono in corso le indagini degli inquirenti per capire la dinamica dell’accaduto e per provare a scoprire i colpevoli.

àòkàkòà

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy