Che storia Di Carmine: da quasi biancoverde a bestia nera

Che storia Di Carmine: da quasi biancoverde a bestia nera

Doveva arrivare a gennaio dello scorso anno. Poi saltò tutto. Quest’anno, dei 10 gol realizzati, 5 li ha segnati all’Avellino

Doveva arrivare a gennaio dello scorso anno. Poi saltò tutto. Quest’anno, dei 10 gol realizzati, 5 li ha segnati all’Avellino. Due all’andata (nel 3-1 finale), ben 3 al Partenio-Lombardi (nello 0-5 finale) ed uno annullato dopo una splendida rovesciata viziata da un fallo precedente in area biancoverde. Il suo nome è Samuel Di Carmine. A digiuno da una infinità (l’ultimo gol, peraltro inutile, nella trasferta di La Spezia persa 2-1), il fiorentino ha ritrovato il gusto di far male in una giornata per lui storica. Ha portato il pallone a casa ma si è ripreso il Perugia. Da quasi biancoverde a bestia nera. Il passo è breve. Ora Bucchi se lo coccola.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy