“Denigrazione territoriale”, la Juve paga i cori anti-napoletani. In Serie B regna il silenzio

“Denigrazione territoriale”, la Juve paga i cori anti-napoletani. In Serie B regna il silenzio

Ammenda di diecimila euro per la Juventus per i cori anti-napoletani nell’ultima gara di Coppa Italia. Ma in serie B, la norma, non viene attuata. perchè?

“La Juventus è stata multata. Un coro di venti secondi costa una multa di diecimila euro, un altro di cinque non provoca sanzioni. Per la semifinale d’andata di Coppa Italia giocata tra Juventus e Napoli, il giudice sportivo della Lega di A ha deciso la sanzione pecuniaria a carico del club bianconero per “coro espressivo di denigrazione territoriale” (quindi in pratica anti-napoletani) intonato “per circa venti secondi” da una parte del tifo juventino al 4′ del secondo tempo”. Così scrive la Gazzetta dello Sport nella edizione online. La Lega di A mostra il pugno duro, quindi. E applica a pieno il regolamento. Peccato solo che in Serie B si continui a on far finta di niente. Eclatanti i cori ascoltati da tutti, ad esempio, in Avellino-Verona. Tutti tranne commissari di campo, arbitri, guardalinee e quarto uomo. E’ il momento di cambiare. Invertire la rotta. Se si intendono fare le cose per bene e continuare a tenere la testa nella sabbia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy