Final Eight – Pochi biglietti, ma a Firenze ci andranno almeno 2mila tifosi

Final Eight – Pochi biglietti, ma a Firenze ci andranno almeno 2mila tifosi

La polemica per i biglietti a disposizione del settore biancoverde non si placa

di Redazione Sport Avellino

“Non abbiamo mai visto così tanta gente al seguito di una squadra di basket di Serie A. Solo applausi per i tifosi di Avellino”. Non più tardi di qualche giorno fa, così si commentava su Sky l’invasione biancoverde a Torino. Ora, a distanza di qualche ora, arriva l’ufficializzazione per l’organizzazione delle Final Eight di Firenze. Al settore della Scandone Avellino sono stati riservati solo 400 biglietti. Il resto, o meglio i meno fortunati che non riusciranno a procurarselo in tempo, dovrà disperdersi negli altri posti del Palazzetto. E quella che vedete in evidenza è la foto dello striscione (Copyright Original Fans) che è stato esposto ieri durante il match contro Pistoria. “F8 Firenze: nessuna autorizzazione per la nostra passione”. E se non fosse chiaro, gli Original Fans ribadiscono il concetto sulla propria Pagina Facebook Ufficiale. “Conm o senza biglietto invadiamo Firenze”. Questo è. Il basket è passione, colore, folklore. Se qualcuno pensa di toglierci anche questo, allora, meglio chiudere i Palazzetti. A Firenze, per il week-end, da giovedì quando è previsto l’esordio contro Cremona, ci saranno almeno mille tifosi. Che raddoppieranno di sicuro per il passaggio del turno alle semifinali previsto per sabato. E se sarà finale, inutile porre veti e tagliandi. Per una ipotetica finale, partiranno da tutta Italia, anche dalla Svizzera, proprio tutti. Avellino si trasferirà a Firenze dove saranno previsti almeno 3500 sostenitori. Con o senza biglietto, sarà a carico dell’organizzazione delle F8, trovare una soluzione. La passione non si tassa, né si autorizza. Avanti Original Fans, quindi. L’Irpinia e gli irpini di tutto il Mondo sono al fianco della vostra battaglia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy