Il circolo di Amatori della bici di Atripalda tra fede ed agonismo

Il circolo di Amatori della bici di Atripalda tra fede ed agonismo

Un fine settimana molto significativo

di Redazione Sport Avellino

Il fine settimana appena conclusosi è stato per il Circolo Amatori della Bici di Atripalda denso di significato, oltre la nota puramente sportiva.
Domenica, un foltissimo plotone di ciclisti giallo fluo, con a capo il segretario De Cicco, ha percorso l’oramai tappa fissa del calendario estivo, Atripalda-San Giovanni Rotondo. I circa 180 km che dividono la cittadina del Sabato dal colle garganico sono stati coperti con il solito spirito di allegria condito dalla giusta dose di sacrificio e fatica, senza i quali non si va da nessuna parte. Da segnalare la maiuscola prestazione di Biagio Terrazzano, maestro di spinning, che si è caricato sulle spalle gran parte del lavoro, sfoggiando invidiabili doti di fondo tipiche dei più esperti granfondisti. Da sottolineare poi un episodio che, da solo, ripaga della fatica fatta: all’arrivo nella cittadina di San Pio la squadra atripaldese è stata applaudita dai numerosi turisti e commercianti presenti.
Nelle stesse ore, qualche centinaio di chilometri più a sud, si svolgeva la Granfondo Città di Andria a cui il Circolo non ha fatto mancare il suo apporto con la partecipazione di Antonio De Pascale.
Facendo un passo indietro, sabato scorso, con partenza in Viale S. Modestino a Mercogliano ed arrivo a Montevergine, al cospetto del Santuario Mariano si è svolta la Cronoscalata al Santuario in memoria di Michele Porraro. Lo sfortunato Michele, di origini atripaldesi, nonché socio del sodalizio caro al decano Sigismondo Alvino, fu ideatore e promotore delle prime edizioni della Cronoscalata oggi diventata tappa immancabile di tutto il ciclismo campano e non solo. Un grosso plauso alla proloco mercoglianese e a tutti gli impeccabili organizzatori della manifestazione. In particolare il Circolo sente forte il dovere di ringraziare Fiorentino Saveriano e Stefania Porraro che fanno di tutto per far sentire ancora in mezzo a noi la stella di Michele.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy