Il San Paolo cade a pezzi: piove anche in Tribuna Stampa

Il San Paolo cade a pezzi: piove anche in Tribuna Stampa

Nella festa di ieri sera alcune immagini che confermano come, quella del San Paolo, sia una struttura ormai obsoleta che necessita di interventi strutturali urgenti. Piove in Tribuna Stampa con giornalisti costretti ad aprire l’ombrello e coprire le apparecchiature con teloni di emergenza

Nella festa di ieri sera alcune immagini che confermano come, quella del San Paolo, sia una struttura ormai obsoleta che necessita di interventi strutturali urgenti. Piove in Tribuna Stampa con giornalisti costretti ad aprire l’ombrello e coprire le apparecchiature con teloni di emergenza. La festa per il Napoli in Europa e il record di Higuain fa passare in secondo piano le gravi emergenze strutturali che lo stadio di Fuorigrotta necessita. Piove non solo in Tribuna Stampa ma anche nei settori coperti con le infiltrazioni di acqua che costringono i tifosi ad aprire ombrelli o dotarsi di impermeabili per proteggersi dall’acqua che cade dall’alto. Questione annosa quella dello stadio con il lungo braccio di ferro tra il sindaco De Magistris e il presidente De Laurentis. Le imminenti elezioni a Napoli hanno bloccato qualsiasi tavolo di incontro tra le parti. Ma il San Paolo cade a pezzi. Per il bene di tutti serve riportare la sicurezza a standard accettabili. E’ inammissibile che, nel 2016, si possa andare allo stadio per vedersi la gara al coperto ed essere costretti ad utilizzare l’ombrello per proteggersi. O quanto meno mettere a rischio l’incolumità di giornalisti che, per fare il proprio lavoro, sono costretti ad utilizzare teloni per proteggere la propria apparecchiatura e rischiare corti circuiti pericolosissimi per la propria salute e di quella dei colleghi vicini.  Le foto sono state pubblicate sul profilo Facebook del giornalista Domenico Santosuosso.

1

2

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy