Infarto dopo Juventus – Atletico Madrid. Muore un commercialista irpino di 40 anni

Infarto dopo Juventus – Atletico Madrid. Muore un commercialista irpino di 40 anni

Fatale al professionista potrebbe essere stata la grande emozione della rimonta vincente juventina

di Redazione Sport Avellino

Quando si dice morire per amore, per passione. Per la propria squadra del cuore. E’ quanto accaduto ad un commercialista irpino, tifosissimo della Juventus.

L’uomo, V. S., di 40 anni, di Atripalda, comune limitrofo ad Avellino, si era recato ieri sera allo Juventus Stadium, per assistere alla gara di ritorno degli ottavi di Champions tra Juventus e Atletico Madrid. Con lui, il figlioletto di 11 anni. Dopo la gioia, la festa e lo spettacolo per la rimonta juventina contro i colchoneros, i due avevano fatto ritorno in hotel con il cuore pieno di gioia per la vittoria dell’amata squadra e per la rimonta targata Cristiano Ronaldo. Una felicità che si è trasformata in tragedia nel giro di pochi minuti. Il commercialista si è sentito male all’improvviso, avvertendo dolori al petto, e si è accasciato privo di sensi.

Superato lo smarrimento e lo choc iniziale, sarebbe stato proprio il figlio di soli undici anni ad incaricarsi di chiedere aiuto, dando l’allarme in albergo. Immediato l’arrivo dei soccorsi e del 118, con il personale specializzato che ha tentato in tutti i modi di rianimare il professionista irpino, ma per lui non c’è stato nulla da fare, è spirato sotto gli occhi increduli del figlio, che solo pochi minuti prima aveva abbracciato di gioia per aver visto Cristiano e compagni compiere un’impresa storica.Proprio lo stress emotivo della rimonta bianconera potrebbero aver causato il decesso del commercialista avellinese, con il cuore che non avrebbe retto alle emozioni della serata. Il corpo esanime è stato ricomposto presso l’ospedale di Torino, in attesa della decisione del magistrato di turno riguardo la riconsegna alla famiglia. Morire di gioia per la vittoria della propria squadra del cuore? A quanto pare può accadere anche questo. Da valutare se V. S. soffrisse già di problemi cardiaci.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy