Mercato Avellino – Ore decisive: due in arrivo subito, l’altro sarà a sorpresa

Mercato Avellino – Ore decisive: due in arrivo subito, l’altro sarà a sorpresa

Un difensore centrale, un esterno in grado di rimpiazzare Gavazzi e un vice-Ardemagni: società al lavoro per completare la rosa

Non accontentarsi. E’ la priorità di Novellino che anche nella giornata di ieri si è sentito con De Vito e Taccone jr per fare il punto della situazione sul mercato dei lupi. Alcuni calciatori sono in uscita, sugli altri l’Avellino preme. Preme e spinge sull’acceleratore per arrivare ad una rosa competitiva in grado di giocarsi le proprie chances e con obiettivi migliori. Non c’è solo la salvezza nella mente di Novellino che giorno dopo giorno, dal ritiro, ha plasmato una squadra a sua immagine e somiglianza. Aggressivi, mai scontati, cattivi. Ne sa qualcosa il Frosinone che nell’ultimo test amichevole al Partenio si è trovato contro un gruppo già in clima campionato. Agonisticamente combattenti e quello che conta, una squadra pronta a vender cara la pelle. Ora, però, le attenzioni si spostano sul campo. Sabato sera arriva il Brescia e Novellino sogna di avere almeno altri due calciatori pronti già per l’esordio. Il terzo potrà arrivare sulla sirena della chiusura del calciomercato.

Michelangelo Minieri lavora per il prestito secco di Marchizza. Queste sono le ore decisive. Il calciatore sembra aver scelto definitivamente Avellino come sua ultima destinazione. Non convocato per la prima di campionato del Sassuolo, fuori dalla lista delle priorità di Bucchi, dovrebbe arrivare in Irpinia addirittura domani. Prestito secco con valorizzazione a favore dei lupi e reparto che si completa con Suagher, Migliorini e Ngawa. In quattro per due maglie e reparto finalmente sistemato con un calciatore di prospettiva pagato 2,5 milioni di euro dal Sassuolo. Un investimento sul futuro e una volontà, da parte della società di Squinzi, di vederlo giocare in una categoria ostica alla sua prima vera esperienza da professionista dopo aver brillato a lungo nelle giovanili della Roma.

Capitolo mediana. Cosa accadrà a Paghera non è dato saperlo. Di sicuro l’Avellino lo cederà dopo aver trovato una adeguata sostituzione lì in mediana. Si potrebbe puntare sul baby di scuola Juve  classe ’98 Franck Kanoutè (qui la nostra indiscrezione). Ma Novellino ha dato il suo assenso per puntare dritto su Melara (Qui le ultimissime). Vuole un gioco aperto Novellino. E già si è visto negli ultimi test con Bidaoui e Molina ad offendere sulle linee esterne. C’è sempre Gavazzi, ma l’ex Sampdoria non riesce a fornire garanzie dopo il suo lungo infortunio che lo tiene ormai da quasi un anno fuori dalle gerarchie dei titolari. E si attende solo che Melara, a questo punto, risolva le proprie questioni contrattuali con il Benevento e chiuda un accordo per rescissione e buonuscita. Poi, ha dato la sua parola all’Avellino per la firma di un biennale con opzione per il terzo anno.

E per ultimo arriverà un colpo in attacco. Ardemagni, Morosini, Castaldo, Asencio, Camarà: cinque uomini per due maglie. Ma solo uno è una punta centrale vera. Si cerca un vice Ardemagni quindi. Difficile arrivare a Mustacchio. Il Perugia, per privarselo, chiede soldi contanti che l’Avellino non ha. Per l’ariete si attende il gong del calciomercato. Lo stesso gong che la passata stagione regalò all’allora tecnico Toscano, Matteo Ardemagni. Giochi ad incastri, la società è vigile ed è consapevole che al momento serva un ariete da affiancare ad Ardemagni.

Tre colpi veri e l’Avellino sarà competitivo. Due, Marchizza e Melara, potrebbero arrivare nelle prossime ore. Per l’ariete si dovrà attendere. Intanto l’Avellino, se riuscirà a concretizzare le ipotesi sopra descritte, sarà pronto. E non solo per una salvezza tranquilla…

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy