“Na tazzulella e cafè e mai niente ce fanno sapè”: Avellino, come ti sei ridotta

“Na tazzulella e cafè e mai niente ce fanno sapè”: Avellino, come ti sei ridotta

Quel pazzo di Pino Daniele ci aveva visto giusto. “Na tazzulella e cafè e mai niente ce fanno sapè”. Eh già, chissà cosa si sono detti stamane al bar Massimiliano Taccone, Enzo De Vito e Mimmo Toscano

“Na’ tazzulella e’ cafè e mai niente cè fanno sapè
nui cè puzzammo e famme, o sanno tutte quante
e invece e c’aiutà c’abboffano e’ cafè
Na’ tazzulella e’ cafè ca sigaretta a coppa pe nun verè
che stanno chine e sbaglie, fanno sulo mbruoglie
s’allisciano se vattono se pigliano o’ cafè
E nui passammo e uaie e nun puttimmo suppurtà
e chiste invece e rà na mano s’allisciano se vattono se
magniano a città
Na’ tazzulella e’ cafè acconcia a vocca a chi nun po’
sapè
e nui tirammo annanz che rulore e’ panze
e invece e c’aiutà c’abboffano e’ cafè
Na’ tazzulella e’ cafè ca’ sigaretta a coppa pè nun verè
s’aizano e’ palazze fanno cose e’ pazze ci girano
c’avotano ci iengono e’ tasse”.

Quel pazzo di Pino Daniele ci aveva visto giusto. “Na tazzulella e cafè e mai niente ce fanno sapè”. Eh già, chissà cosa si sono detti stamane al bar Massimiliano Taccone, Enzo De Vito e Mimmo Toscano. Avranno analizzato la partita, avranno visto un Avellino in crescita contro un Frosinone candidato alla serie A. E che ce frega se abbiamo perso. Siamo vivi, per dirla alla Toscano, fino a quando qualcuno non ci toglierà il respiratore automatico e, probabilmente, ci comminerà una penalizzazione per la vicenda del calcio scommesse. “Nui ce puzzammo e fame e sanno tutte quante e invece e c’aiutà c’abboffano e cafè”. Ah, Pino Pino. E’ la verità. Forse avevi pensato all’Avellino di oggi quando la cantavi. E che importa se abbiamo due arieti di area come Mokulu e Ardemagni e giochiamo con un Castaldo “spompato” e due mezze punte. Si, contro lo Spezia, abbiamo vinto. Ma avevamo tutti gli attaccanti ai box, mister. Continui a sorseggiare il caffè. “E nui passammo e uaie e nun puttimmo suppurtà e chiste invece e rà na mano s’allisciano se vattono se magniano a città”.

Qua Pino si sbagliava. Non vi lasceremo mangiare la città. “Nui tiramma annanz che rulore e panz” e saremo lì, sempre a vigilare.

Buon caffè a tutti.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy