Serie D – Lanusei, il capitano Ladu: “Fortunati? La fortuna aiuta gli audaci. Le partite finiscono quando fischia l’arbitro”

Serie D – Lanusei, il capitano Ladu: “Fortunati? La fortuna aiuta gli audaci. Le partite finiscono quando fischia l’arbitro”

Le parole del capitano del Lanusei che parla del momento degli ogliastrini

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

Il Lanusei si avvia a vivere un sogno incredibile, in queste sei gare finali del campionato che potrebbero sancire la clamorosa promozione dei sardi in Serie D. 

Premiato come mvp della scorsa giornata di campionato, soprattutto per il suo gol vittoria al 94′ a Muravera con il Castiadas, il capitano del Lanusei, Pietro Ladu ha parlato del momento della sua squadra, di come si stanno avvicinando a queste sei partite che potrebbero scrivere la storia del club sardo.

Queste le sue parole rilasciate a Gazzettaregionale.it: “Non abbiamo nessuna pressione anzi c’è tanto entusiasmo e felicità in tutto l’ambiente. Se questo sogno si dovesse realizzare ben venga, ma non cambia ciò che abbiamo fatto in questo campionato nel caso dovessimo fallire nel finale. Fortunati a vincere al 95′? Le partite durano 90 minuti e quello di vincere nel finale dovrebbe essere un merito, vuol dire che non molliamo e se si parla di fortuna, la fortuna aiuta gli audaci, quindi bravi noi. Poi su 22 vittorie è capitato 3 volte di vincere negli ultimi minuti e ci può stare, ma anche avessimo vinto tutte le gare al 95′ non vedo nulla di clamoroso. C’è tanto entusiasmo ed i tifosi ci ringraziano per quello che stiamo facendo ma io personalmente ringrazio loro per l’affetto che trasmettono, sia con la presenza ogni giornata che con i messaggi privati, rendono più facile il nostro lavoro. Serie C? Se dovesse succedere , gli addetti ai lavori metteranno su un progetto e sono sicuro che sarebbe affrontato con serietà ed entusiasmo. Vogliamo continuare a fare bene e magari sarebbe bello avere una possibilità tra i professionisti”. 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy