Toscano rispetti la contestazione della Montevergine: se Avellino è lì in basso, la colpa è anche sua

Toscano rispetti la contestazione della Montevergine: se Avellino è lì in basso, la colpa è anche sua

Urla di contestazione sul finire del match contro la Ternana all’indirizzo del tecnico, sono piovute dalla Montevergine. E a fine gara l’allenatore non ha gradito rivolgendosi al settore in segno di sfida. Ma il tecnico dimentica che se i lupi sono lì in basso, la colpa è anche sua

Urla di contestazione sul finire del match contro la Ternana all’indirizzo del tecnico, sono piovute dalla Montevergine. E a fine gara l’allenatore non ha gradito rivolgendosi al settore in segno di sfida. Ma il tecnico dimentica che se i lupi sono lì in basso, la colpa è anche sua. E che chi paga è libero di contestare una squadra quasi sempre in zona retrocessione e che non riesce a fare due, che siano due, passaggi di fila. Tre moduli cambiati in 11 partite confermano che il calabrese ha idee poco chiare. Che arranca anche sotto l’aspetto mentale. E dimostra di non riuscire a reggere la tensione.

Lo striscione apparso in Tribuna Terminio contro Toscano
Lo striscione apparso in Tribuna Terminio contro Toscano

Il mister gode della fiducia incondizionata della società. E ci fa anche piacere. Ma se non gode della stima e della fiducia dei tifosi deve farsene una ragione. Anche Boscaglia è contestato a Novara, anche Cosmi lo è a Trapani. Ma mai e poi mai i due tecnici sopra citati si son permessi di reagire ai mugugni. Quelli fanno parte del gioco. Toscano dovrebbe saperlo. Il calcio è bello anche per questo. E i tifosi hanno sempre ragione. Specie se contestano anche quando si vince. Questo è segno di maturità calcistica. Significa che non intravedono futuro con un tecnico che non riesce ad inculcare fiducia ad una piazza che non ci sta a sprofondare.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy