Caso Crafa – Borriello, la replica di Pastore: “Nessuna preclusione a liberarle, vogliamo far rispettare l’articolo 96 del Noif”

Caso Crafa – Borriello, la replica di Pastore: “Nessuna preclusione a liberarle, vogliamo far rispettare l’articolo 96 del Noif”

Non è tardata ad arrivare la replica di Fabio Pastore, presidente dell’Irpinia Sport in merito alla vicenda di Alessia Crafa e Carla Borriello, giocatrici alle quali è stato vietato dalla società d’appartenenza, di svincolarsi.: «Le due ragazze sono vincolate da un accordo pluriennale con la nostra società. Non ci opponiamo alla loro partenza bensì ci appelliamo all’articolo 96 del NOIF». Una norma che cita il “Premio di Preparazione” secondo tale dicitura: «Le società che richiedono per la  prima volta il tesseramento come  “giovane di serie”, “giovane  dilettante” o “non professionista” di calciatori che nella precedente stagione sportiva siano stati  tesserati come “giovani”, con vincolo annuale, sono tenute a versare alla o alle società per le quali il calciatore è stato precedentemente tesserato un “premi o di preparazione” sulla base di un parametro  – raddoppiato in caso di tesseramento per società delle Leghe Professionistiche – aggiornato al termine di ogni stagione sportiva in base agli indici ISTAT per il costo della vita, salvo diverse determinazioni del Consiglio Federale e per i coefficienti».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy