Mel Donniacuo ed il titolo italiano: “Un primo passo verso la Nazionale”

Mel Donniacuo ed il titolo italiano: “Un primo passo verso la Nazionale”

Commenta per primo!

Di emozione ne traspare tanta ma sul ring ha prevalso la determinazione nel portare a casa un nuovo successo: il titolo di campionessa italiana nella categoria 69 kg. Mel Donniacuo ha celebrato questo pomeriggio il trionfo giunto lo scorso martedì a Roseto degli Abruzzi presso il Centro Sociale Samantha Della Porta di Avellino alla presenza della famiglia, del suo Maestro Agostino Cardamone, del Delegato Provinciale del Coni Giuseppe Saviano e del Presidente del Coni Regionale Cosimo Sibilia. Ospite anche il Campione Carmine Tommasone che coi suoi recenti successi ha tenuto alto il nome della boxe irpina a livello internazionale. «Ho affrontato la gara con la giusta sicurezza perché sapevo di aver sostenuto una preparazione tale da poter gareggiare in una manifestazione simile. Ero emozionato» – dice Mel Donniacuo che ha così portato a casa un altro importante risultato dopo il successo ai Campionati Universitari italiani. Controllare la tensione nel dover affrontare un’avversaria di rango come Patrizia Pilo è stata un’altra delle chiavi del successo: «Mi sono concentrato nel partire forte e un pò ho temuto che il cognome importante della mia sfidante potesse prevalere nel giudizio finale degli arbitri. Ho svolto il mio ruolo di atleta». Allenarsi con un campoione quale Agostino Cardamone è stato sinonimo di garanzia: «Averlo all’angolo è stato fondamentale perché è l’unica persona che puoi guardare quando stai sul ring. Mi ha sempre rassicurato, dandomi la forza e caricando quando stavo in vantaggio».

Il sogno adesso si chiama Nazionale Azzurra, ricevere l’attesa convocazione: «Credo molto in una possibile chiamata ma sono ben consapevole che non dipende soltanto da me. Il pugilato mi ha dato tanto, mi piace il legame che si è creato con Cardamone perché sto provando a portare in alto il nome di Montoro così come è stato per lui. Io adoro il pugilato e lavoro per migliorarmi». A seguire la preparazione passo dopo passo sono stati sia il Professore Giuseppe Saviano e Agostino Cardamone. «Attraverso i duri allenamenti Mel ha potuto tagliare questo traguardo. Ha messo una grinta eccezionale dal primo giorno di allenamenti». Dello stesso avviso è il Maestro Cardamone: «Avevamo un’avversaria difficile da boxare , l’ho caricata al punto giusto ed ha disputato un grande match. Si è dovuto cambiare lo schema di combattimento, puntando sull’aggressività». Il successo di Mel Donniacuo rende onore anche al Coni Regionale: «Quello di Donniacuo – afferma Cosimo Sibilia – è un altro passo verso l’affermazione dello sport irpino. La vittoria più bella sarà sempre la prossima. Essere allenato da Cardamone vuol dire ricevere tutta la passione e la dedizione che viene messa in ogni allenamento quotidiano. Annovero Agostino come uno dei simboli del nostro sport.Lo ringrazio per quello che ha fatto e per quello che farà».

A render onore alla montorese c’era anche Tommasone che sottolinea come «Mel sarà la prima donna irpina che si sta allenando bene, mi ha impressionato per la determinazione. non si è mai abbattuta, mi ha impressionato per la sua tenacia negli allenamenti. Coi sacrifici arriverà a grandi traguardi». Il campione di Contrada difenderà a febbraio il titolo europeo. Il sogno è poterlo fare nella sua Irpinia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy