Sacripanti può stare sereno: “La zona match up ha ben imbrigliato Capo D’Orlando”

Sacripanti può stare sereno: “La zona match up ha ben imbrigliato Capo D’Orlando”

Può dormire sogni sereni almeno questa notte coach Sacripanti che allontana almeno per ora lo spettro dell’esonero col successo sul campo della Betaland Capo D’Orlando: «Sono soddisfatto sia perché abbiamo ripreso a vincere sia perché lo abbiamo fatto in trasferta. – dichiara in sala stampa – Per noi il successo era importante non tanto per i due punti quanto perché ci aspettavamo una risposta dalla squadra dopo la vittoria di Caserta. Nel primo quarto eravamo contratti sia per demeriti nostri che per la grande fisicità di Capo d’Orlando. La continuità nelle rotazioni dei giocatori ci ha consentito di arrivare nel finale di gara più freschi e più lucidi. Aver avuto la possibilità di gestire Ragland ci ha dato sicuramente un maggiore vantaggio. Nel momento decisivo, la zona match-up ha fermato Capo d’Orlando e siamo riusciti a mettere le mani sul partita. Una partita dura ma che mi ha consegnato una squadra con una buona difesa che ha commesso pochi errori». Il coach canturino non ritiene quella di oggi la vittoria della svolta: «Sinceramente pensavamo che la svolta fosse arrivata con la vittoria di Varese. A Cremona, ad esempio, abbiamo perso solo nel finale. Poi c’è stata la partita assurda di Caserta che ha sorpreso un po’ tutti. Noi speriamo che questa vittoria ci dia continuità e risultati». Sulle Final Eight preferisce non avventurarsi in facili proclami: «Sinceramente non penso alle Final Right, penso solo a vincere con Venezia la prossima».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy