All-In #Avellino-Lanciano: vecchia guardia per il vecchio Avellino

All-In #Avellino-Lanciano: vecchia guardia per il vecchio Avellino

Si sa, una rondine non fa primavera. L’Avellino ha battuto la Pro Vercelli e ha potuto tirare un sospiro di sollievo. Ma non basta. Non deve bastare. L’occasione è ghiotta: sabato al Partenio arriva la Virtus Lanciano (penultima in classifica) e la vittoria è un obbligo.
In un momento particolarmente delicato sotto ogni punto di vista, i lupi si sono appoggiati alla grinta dei senatori. Angelo D’Angelo, Mariano Arini e Gigi Castaldo hanno trascinato i biancoverdi martedì scorso contro la Pro.
Il senso di appartenenza, la fame agonistica e l’orgoglio di indossare questa gloriosa maglia li hanno spinti ad ergersi a leader in un momento davvero critico.
Toccherà ancora a loro, contro il Lanciano, guidare la truppa di mister Tesser.
Capitan D’Angelo è in un ottimo stato di forma. Dopo i primi mesi in cui aveva mostrato chiare difficoltà di tenuta fisica, nell’ultimo periodo ha ripreso a correre come un forsennato per tutti e novanta i minuti. Fame da lupo. A ciò ha aggiunto anche due gol (meraviglioso quello decisivo contro la Pro) nelle ultime due partite.
Mariano Arini, dopo la partita saltata contro il Trapani per squalifica, è tornato a vestire i ranghi di generale del centrocampo biancoverde. Con il dirottamento di Jidayi al centro della difesa, il numero quattro biancoverde si è piazzato di nuovo nel ruolo di mediano davanti alla difesa. I risultati sono stati eccellenti. In fase di interdizione Mariano è stato perfetto.
Gigi Castaldo, dopo la squalifica e il rientro di Trapani, ha potuto riassaggiare il clima del Partenio (meraviglioso il tifo della curva in occasione del match con la Pro). Non è un caso che solo due minuti dopo dal suo ingresso in campo l’Avellino abbia trovato il gol vittoria. Gigi regala tranquillità e consapevolezza ai compagni. Con il Lanciano sarà di nuovo in campo dal primo minuto. E chissà che questa volta non tocchi proprio a lui segnare gol pesanti…
Vecchia guardia al potere…. e si spera anche di rivedere il vecchio Avellino.
Combattivo e vincente. Come i suoi tre leader.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy