Alla Sidigas non riesce l’impresa, Pistoia si conferma prima della classe

Alla Sidigas non riesce l’impresa, Pistoia si conferma prima della classe

La Giorgio Tesi Group Pistoia trova la sua prima vittoria della storia superando la Sidigas Avellino per 76-70. Un trionfo che vale doppio per i toscani che sono primi in classifica vista la sconfitta nell’anticipo di Reggio Emilia a Capo D’Orlando nel lunch match. Agli irpini non bastano i 15 di Acker e i 12 di Maarten Leuenen. Per i biancoverdi terza sconfitta nelle ultime tre gare e ancora a digiuno di successi esterni.

Giorgio Tesi Group Pistoia: Knowles 11, Mastellari n.e., Antonutti 5, Lombardi 4, Filloy , Severini 2, Czyz 8, Blackshear 23, Moore 4, Kirk 15. All.: Esposito

Sidigas Avellino: Norcino n.e., Veikalas 5, Acker 15, Leunen 12, Green 11, Cervi 8, Severini n.e., Nunnally 9, Pini, Buva 4, Blums 6, Parlato n.e.. All.: Sacripanti

Arbitri: Paternicò, Borgioni, Nicolini

Parziali: 17-28, 41-41, 59-51

pt-av-03Promettente è l’approccio alla sfida della formazione biancoverde che parte con un incoraggiante 15-2. Sacripanti ritrova Taurean Green che parte immediatamente in quintetto schierato al fianco di Acker (prima volta per l’ex Barcellona), Nunnally, Leunen e Cervi. E’ il prodotto di Pepperdine University che firma sette dei quindici punti iniziali della Scandone, approfittando di una Giorgio Tesi Group che fa fatica a trovare le misure agli irpini. Se i ritmi alti erano temuti dagli avellinesi, sono proprio questi a premiare il buon avvio. La Scandone manda a bersaglio cinque canestri di fila, aprendo bene il campo anche dalla lunga distanza. 5/10 la percentuale dal campo nei primi cinque minuti di gioco. La Giorgio Tesi Group colleziona ben quattro perse nel primo spicchio di frazione iniziale. Esposito riesce a schiarire le idee ai suoi che trovano maggiore continuità in attacco, riuscendo a colpire gli avversari sia al tiro sia in avvicinamento al ferro. E’ di 7-0 il controbreak toscano ma due triple, firmate da Leunen e Green in transizione, permettono ad Avellino di chiudere sul 17-28. Nel secondo quarto Pistoia decide di far saggiare tutta la propria fisicità ai lupi. Sacripanti prova un quintetto inedito composto da Green, Blums e Veikalas sugli esterni con Cervi e Buva sotto le plance. Arriva il momento di Antonutti che si sblocca con la prima tripla di serata che galvanizza il PalaCarrara. Il tap – in schiacciato di Lombardi conferma i problemi a rimbalzo della Sidigas che deve fare i conti anche con le palle perse. Kirk regala la prima parità con un gioco da tre punti ispirato da un rimbalzo offensivo. Il finale di primo tempo è un susseguirsi di canestri veloci, chiuso dalla penetrazione di Green.

pt-av-02Nella ripresa Blackshear (top scorer del match con 23 punti), chiude porta avanti i suoi accompagnato da Kwowles che si iscrive anch’egli a referto con la prima bomba di serata del 46-43. La Scandone alterna ottime circolazioni di palla (vedi la tripla dall’angolo di Acker del 45-47) a tiri forzati  da cui nascono le azioni in ripartenza della Giorgio Tesi Group che va a nozze coi ritmi alti e nelle ripartenze. Blackshear continua ad essere un fattore. I toscani vanno in ritmo e volano sul 53-47 che obbliga Sacripanti a chiamare timeout. Avellino non incanta più in attacco come nel primo quarto ma si aggrappa a Cervi che intraprende il duello con Kirk, riuscendo a rovistare quattro punti dalla spazzatura che sono oro colato. Nel finale i biancoverdi pasticciano da cui nascono due recuperi (di cui con fallo e canestro di Knowles) che mandano in archivio il terzo quarto sul 59-51.

Blums tenta la svolta in apertura di ultima frazione con una paio di triple che servono a dare la scossa alla Sidigas. Pistoia replica immediatamente con la sua panchina: da Filloy a Luca Severini. Il leit motiv del match non cambia: i biancorossi cercano di spingere sull’acceleratore non appena hanno la possibilità mentre la Scandone forza con troppa visibilità, arrivando in qualche caso a morire con il pallone in mano allo scoccare del 24”. Il sussulto ospite, tuttavia, arriva con due triple che riportano in equilibrio il match sul 65-65. Si ferma qui la rimonta irpina perché Pistoia “ammazza” l’incontro con un nuovo miniparziale di 7-0. La persa di Blums nei secondi finali in favore del contropiede di Knowles manderà dietro la lavagna una Sidigas che non sa più vincere.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy