All’Academy il tennis è un grande sport anche per i più piccoli

All’Academy il tennis è un grande sport anche per i più piccoli

Il tennis dal punto di vista dei bambini. Spesso osteggiato ed accompagnato da pregiudizi, oggi questo sport raccoglie sempre più consensi.

Commenta per primo!

Il tennis dal punto di vista dei bambini. Spesso osteggiato ed accompagnato da pregiudizi, oggi questo sport raccoglie sempre più consensi. Medici, pediatri, sociologi e psicologi hanno spesso sottolineato le valenze educative e formative insite nelle peculiarità di questa disciplina. Alla Tennis Academy Avellino c’è particolare attenzione sia per il Baby Tennis che per il Mini Tennis. Il responsabile del settore è l’istruttore Antonio Picariello che ci ha illustrato gli aspetti essenziali alla base di tutta l’attività.

Com’è strutturato il lavoro per i più piccoli all’Academy?

Il minitennis è una tappa fondamentale per la formazione di un buon tennista. Ai bambini, di età compresa fra i 5 e i 10 anni che hanno voglia di conoscere il tennis, viene subito data la possibilità di familiarizzare con esso, in compagnia dei loro coetanei e sotto la guida di noi maestri. Impugnata racchetta e pallina, entrambe adattate alla loro età ed al livello di gioco, i bambini diventano i protagonisti fin dalla loro prima lezione. Sullo sfondo poniamo sempre il concetto di “crescita”. Noi dell’Academy lo sviluppiamo attraverso un percorso basato sulla multilateralità: tecnica, tattica, fisica e psicologica. Sono aspetti che miglioriamo simultaneamente, grazie ad una attenta programmazione delle metodologie da utilizzare. La Tennis Academy, in quanto scuola riconosciuta dalla FIT con il marchio “Top School”, ha adottato l’innovativo sistema del “Fit Junior Program”, uno strumento didattico che si integra ad un programma di allenamento che monitora costantemente la crescita dei piccoli tennisti, testando frequentemente le loro competenze sul campo, anche attraverso gare, competizioni e tornei.

Il tennis per i più piccoli, cosa cambia nell’ approccio didattico?

Il primo approccio al tennis avviene in un campo dalle dimensioni ridotte, sottoforma di gioco-sport: attraverso attività ludiche i piccoli entrano in contatto sempre più stretto con l’utilizzo di racchette e altre attrezzature sportive (anch’esse a misura di bambino), permettendo loro di sviluppare gradualmente le competenze individuali. Per lo sviluppo delle abilità del bambino, si cerca sempre di creare un clima accogliente, di suscitare interesse verso l’ ambiente tennis… COME? Per esempio proponendo attività, nelle quali, attraverso movimenti di qualsiasi genere, i bambini iniziano a scoprire tutte le zone del campo di gioco, con la sgargiante racchetta, con la pallina, e con tutte le attrezzature che utilizzeranno (cerchi, birilli, ostacoli, coppelle) lungo il loro percorso, per soddisfare un bisogno fondamentale, tipico di questa fascia di età: GIOCARE. I colpi vincenti di questi baby tennisti sono sicuramente l’ENTUSIASMO E LA MOTIVAZIONE. Con l’ aiuto di noi insegnanti, che ci travestiamo in ogni attività in compagni di gioco, i bambini scoprono emozioni positive in seguito al raggiungimento degli obiettivi che cambieranno continuamente per mantenere alta la motivazione.

 

La richiesta più insolita di uno dei suoi allievi?

Come dicevo noi maestri e i bambini interagiamo spesso anche in attività di gioco. Durante una lezione proposi di fare un gioco in cui i nostri ruoli si scambiavano: io sarei stato un allievo e ognuno di loro, a turno, si sarebbe improvvisato un piccolo maestro. Il gioco riuscì alla perfezione, ma un ragazzino entrò cosi tanto nella parte che anche nelle due lezioni successive che, non solo voleva che il gioco fosse riproposto, ma richiese esplicitamente a me e agli altri suoi compagni, di essere chiamato Maestro per il resto dell’anno.

Di falsi miti che circondano il tennis ce ne sono tanti: “uno sport per ricchi”, “fa male allo sviluppo del fisico”, come cercate di sfatarli all’Academy?

Il tennis, appreso nelle giuste sedi, certificate dalla FIT, è uno sport che migliora, sia il fisico che la mente ne traggono beneficio. Innanzitutto, il tennis favorisce una crescita completa e uno sviluppo armonioso di tutto il corpo. Le attrezzature sono sempre adeguate all’età e alle competenze del bambino, permettendo, quindi, al piccolo atleta di crescere gradualmente. Noi maestri abbiamo il compito di formare i nostri allievi curando prima di tutto lo sviluppo di una corretta forma mentis. Le attività che proponiamo hanno lo scopo di trasmettere innanzitutto valori, la sana competitività, il rispetto delle regole, volti alla crescita della personalità, del carattere, dell’autostima e della concentrazione di ciascun atleta.

Uno sport per ricchi? Assolutamente no, ma è importante fare subito una distinzione tra il tennis dei bambini, calato in un contesto di scuola tennis, per niente oneroso, ed il tennis professionistico. La Tennis Academy si impegna costantemente nel promuovere questo bellissimo sport con iniziative che hanno lo scopo di presentare il mondo del tennis, i valori che trasmette ad adulti e bambini, di comunicare che anche uno sport individuale ha l’obiettivo di far vivere, a chi lo pratica, momenti, emozioni, ricordi, servendosi appunto della sua potenza. Una cosa bella come lo sport, come il tennis, non può essere che di tutti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy