Calvani, Sacripanti e Gresta strizzano l’occhio, Sidigas dove sei?

Calvani, Sacripanti e Gresta strizzano l’occhio, Sidigas dove sei?

Con l’arrivo di Repesa a Milano, l’unica panchina a restare scoperta é quella della Sidigas Avellino (Roma avrebbe sotto contratto anche per la prossima stagione Luca Dalmonte sebbene il futuro del club capitolino sia a rischio). De Cesare dovrebbe scogliere la riserva nelle prossime ore ma lista dei nomi degli allenatori disponibili inizia ad assottigliarsi.

“Non ho avuto nessun contatto con la Scandone e non ci sono incontri in programma – afferma Marco Calvani, legato da un altro anno di contratto con l’Azzurro Napoli e annoverato nella lista di coloro che potrebbero prender il posto di Frates – “Ho avuto dei colloqui con dirigenti di altri club perché sul progetto di Napoli nulla ancora mi é stato presentato ed è giusto sondare il terreno. Da Avellino nulla si é mosso nei miei confronti”.

Sulla stessa lunghezza d’onda commenta Stefano Sacripanti, impegnato nelle scorse settimane con la Nazionale Italiana Under 20: “Nego ogni forma di interessamento di Avellino. É una piazza prestigiosa e di tradizione. Prenderei in considerazione una chiamata dalla società.”

Chi ad Avellino verrebbe di corsa (ed anche a piedi ) é Luigi Gresta, tornato in Irpinia nella giornata di mercoledi ospite della terza edizione del Solofra Basket Camp: “É un mio sogno allenare Avellino, mi farebbe piacere poter esser scelto da De Cesare ma, dopo il colloquio di qualche settimana fa,  non l’ho più sentito.”

Cosa si aspetta per dare la sterzata definitiva? L’anno scorso si lavorava per la chiusura dell’accordo con Adrian Banks (ratificato il 1 luglio). Giorgio Valli fu presentato il 29 giugno 2012. Il ritorno da Varese di Vitucci fu sancito nella terza settimana del giugno 2013. Un ritardo che non piace e preoccupa.  La piazza non perdonerebbe gli errori del passato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy