Ciclismo – Amatori della Bici da Siena a Termoli… passando per Montevergine

Ciclismo – Amatori della Bici da Siena a Termoli… passando per Montevergine

Terra e fango, pioggia e vento sono solo alcuni degli ingredienti che hanno reso la Granfondo Strade Bianche di Siena

Terra e fango, pioggia e vento sono solo alcuni degli ingredienti che hanno reso la Granfondo Strade Bianche di Siena ancor più avvincente, se possibile. “La Classica del Nord più a Sud d’Europa”, come oramai è soprannominata, ha il fascino della corsa di altri tempi per via dello sterrato ma allo stesso tempo è scandita da ritmi e velocità moderne. 5 gli alfieri atripaldesi che hanno portato il vessillo giallo fluo in terra toscana: De Falco, Giaquinta, Lo Vuolo, Renzulli e Stornaiuolo si sono tuffati nell’antico mondo delle campagne toscane per portare a termine un’impresa che resterà a lungo nei loro ricordi. Ad iniziare la stagione ufficiale del Circolo Amatori della Bici di Atripalda hanno contribuito anche rispettivamente gli atleti che hanno preso parte alla maratona di mountain bike svoltasi sul Monte Partenio e i ciclisti che si sono portati a Termoli per correre la Granfondo Molisana. Tra i primi va un plauso particolare a Nino Ricciardi, al suo debutto ufficiale in una competizione ufficiale. Tra i ciclisti di Termoli invece un riconoscimento particolare va a Luigi De Mattia, vera sorpresa del sodalizio atripaldese per tenacia, grinta e risultati. Sia gli 11 atleti che hanno corso in Molise che i bikers di Montevergine hanno dovuto parimenti affrontare condizioni meteo a dir poco proibitive. Leggere escoriazioni per Pastore e Reppucci vittime di cadute dovute proprio all’asfalto reso viscido dalla pioggia. Il CAdB di Atripalda da appuntamento, alle prossime domeniche, quando si correrà a Saviano (NA) per la Coppa Carnevale e a Stornara (FG) per l’omonima Mediofondo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy