Da dieci a zero…un anno di Sidigas

Da dieci a zero…un anno di Sidigas

Tifosi e addetti ai lavori possono stare tranquilli: la Scandone festeggerà il traguardo delle sedici stagioni in massima serie nel prossimo torneo. Ora inizia la fase della riflessione e delle prime idee da valutare nella costruzione di un nuovo progetto per l’annata che verrà. Nel frattempo abbiamo provato ad individuare qualche curiosità numerica, esprimendo un giudizio complessivo non senza ricorrere ad un minimo di ironia.

Dieci: alla pazienza del pubblico del PaladelMauro che non ha fatto mai mancare il supporto alla squadra, ricorrendo alla dote indicata quando lo spettacolo in campo ha portato una parte di esso a prendere le distanze dall’ex Vitucci.

Nove: i tiri da due punti che Banks ha mandato a bersaglio nella vittoria a Pesaro dell’8 febbraio scorso.

Otto: le volte in una stessa partita in cui Anosike ha realizzato dalla linea dei tiri liberi come con Cremona.

Sette: le gare con alla conduzione tecnica Fabrizio Frates.

Sei: i recuperi che hanno visto protagonista Adam Hanga nel successo irpino a Capo D’Orlando l’8 novembre 2014.

Cinque: le triple iscritte a referto da Sundiata Gaines nel derby vinto nel giorno di Santo Stefano a Caserta.

Quattro: i successi conquistati da coach Frates nella sua breve esperienza biancoverde.

Tre: sono le volte in cui Giovanni Severini ha calcato il parquet per un solo minuto in questa stagione.

Due: alla qualità del segnale che ha caratterizzato le telecronache dei match in trasferta, causando non poche polemiche tra gli appassionati.

Uno:  o meglio una è la sola affermazione nel 2015 di coach Vitucci nel 2015 con la Scandone.

Zero: alla mancanza della rete wi-fi all’interno della tribuna stampa del PaladelMauro. Scherzosamente verrebbe da dire: ma sono cosi antipatici questi giornalisti?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy