Da Grottaminarda a Giacarta: il sogno “Mondiale” di Gerardino Cappuccio

Da Grottaminarda a Giacarta: il sogno “Mondiale” di Gerardino Cappuccio

La storia del karateka che rappresenterà l’Irpinia in Indonesia

E’ agosto quando nasce Gerardino Cappuccio, il giovanissimo karateka di Grottaminarda che regala all’Irpinia il sogno di partecipare ad un Mondiale. E’ agosto quando parte per Giacarta, Indonesia, per sfidare il mondo in una competizione tra tutti i Paesi nell’arte orientale che lo ha formato fin da bambino.

Inizia piccolissimo ad avvicinarsi al karate tradizionale, a soli tre anni, nella Palestra Karate Dojo di Grottaminarda del Maestro Dino Cappuccio, suo padre. Lo segue per il mondo sulle orme solcate con sacrificio e dedizione per anni. E ’cintura nera della celebre federazione SKI, del maestro Shijan Masaru Miura a soli 14 anni. Giovanissimo conquista il podio nel Campionato Nazionale fino alla grandiosa affermazione di questi ultimi anni. Viene scelto quale membro della squadra nazionale della Federazione SKI dal Maestro Miura, 9°Dan, direttore tecnico, e consegue un susseguirsi di podi e riconoscimenti meritati con il duro impegno dell’allenamento continuo e costante. A partire dal mese di luglio 2015 nella competizione internazionale in Slovenia viene notato dai tecnici federali e si afferma con i successivi podi conseguiti in tutta Italia e durante gli stage tecnici. La sua carriera si consolida dallo stage autunnale di novembre 2015 alla gara internazionale di Castel d’Ario (Mantova) del 29 gennaio 2016, dallo stage tecnico di Grottaminarda e di Anagni del 20 e 21 febbraio 2016 al podio di Rivaiolo Canavese (Torino) del Trofeo Castagneri del 6 marzo, dallo stage primaverile del 20 Marzo a Igea Marina al Primo posto a Palermo nella specialità di kumitè del 10 aprile, dal podio di Colle Val d’Elsa (Siena) del 17 aprile 2016 al podio del Campionato Italiano SKI del 20 Maggio a Salsomaggiore Terme, dallo stage estivo di luglio a Igea Marina agli allenamenti pre – mondiale di agosto a Mantova. Si arriva così alla gara internazionale di Giakarta (Indonesia), che impegna gli atleti italiani e di tutto il mondo dal 20 agosto – data di partenza dall’Italia al 30 agosto – data del rientro. Il Maestro Gerardino si avvicina al Mondiale con lo spirito di sempre: sereno, fiducioso, entusiasta, ma soprattutto allenato e in gran forma. E’ questo l’unico metodo per raggiungere gli obiettivi, per confrontarsi con gli altri e per portare avanti un nome e una passione di famiglia. Un vero atleta, umile, pacato, sorridente e sempre disponibile, giovanissimo ma maturo abbastanza per dire al mondo “sono pronto ad un’esperienza che segnerà la mia vita” in un sogno che lascia sperare un paese irpino per un giovane , esempio sportivo della comunità, per la sua professionalità e serietà e per il podio già vinto nel cuore di tutte le persone che lo conoscono, sempre solare come il mese dei suoi natali e del suo mondiale.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy