Davide contro Golia, la Sidigas a caccia dell’impresa al PalaBigi

Davide contro Golia, la Sidigas a caccia dell’impresa al PalaBigi

Obiettivi diversi ma col minimo comune denominatore della vittoria.  Grissini Bon Reggio Emilia e Sidigas Avellino sono pronte a darsi battaglia domani pomeriggio alle ore 18:15. Entrambe hanno cominciato i rispettivi cammini con una vittoria, rispettivamente contro la Manital Torino (72-96) e la Consultinvest Pesaro (77-73).  A vincere sarà soltanto una squadra. Gli uomini di Menetti debutteranno davanti al proprio pubblico dopo la felice doppia parentesi in Piemonte (il 27 settembre scorso al PalaRuffini è arrivato il successo in Supercoppa Italiana ai danni dell’EA7 Milano). Coach Sacripanti  nel corso della conferenza stampa di ieri ha sottolineato come questo sia un fattore da non trascurare.  Reggio Emilia ha collezionato soltanto quattro ko casalinghi l’anno scorso, trascinata anche dal pubblico biancorosso che gremirà in ogni ordine di posti il PalaBigi (sold out la campagna abbonamenti).  Blums e soci affronteranno una Grissini Bon che ha registrato la partenza di alcuni elementi dal proprio roster come Andrea Cinciarini (volato a Milano) sostituito dall’arrivo di Stefano Gentile e Andrea De Nicolao con quest’ultimo che ha preso il posto di Federico Mussini volato in Ncaa dove ha intrapreso l’avventura nel College di St John’s. Il marchio italiano della Pallacanestro Reggiana, che ha contribuito nelle passate stagioni alla conquista dell’Eurochallenge nell’aprile del 2014 e alla finale scudetto a giugno e alla finale scudetto a giugno persa soltanto in gara 7 contro il Banco di Sardegna Sassari. La voglia di riscattarsi ha accompagnato il lavoro estivo della dirigenza biancorossa guidata dal diesse Frosini che ha deciso di confermare sei elementi del roster dello scorso campionato le cui stelle rimangono il sempreverde Rimantas Kaukenas  (trentotto primavere sulle spalle) così come  Darjus Lavrinovic  che dall’alto dei suoi duecentododici centimetri può garantire quella imprevedibilità quando viene coinvolto in attacco. E’ una delle principali preoccupazioni che coach Sacripanti ha evidenziato alla vigilia.  Per la Scandone si tratterà di un primo esame di maturità soprattutto per quello che riguarda l’impatto su un match in un impianto (che potrà ospitare soltanto cinquanta tifosi ospiti) che è pronto a festeggiare con un successo il recente trionfo tricolore della Grissini Bon. I giganti biancoverdi hanno chiuso ieri mattina una ricca settimana di allenamenti in cui il gruppo si sta avvicinando alla migliore condizione. Ad allenarsi c’è stato anche Riccardo Cervi che si era fermato nella seduta di venerdì. Il lungo classe 91′ sarà uno degli osservati speciali dell’incontro insieme a Giovanni Pini. I due cestisti sono stati allevati nel vivaio reggiano ed hanno contribuito al recente cammino della loro ex squadra. Se Cervi e Pini vorranno mettere lo sgambetto al loro vecchio pubblico, Avellino vuole il terzo successo al PalaBigi (l’ultima volta è stato nel marzo del 2007). Cancellare le ultime due apparizioni (ko che hanno rappresentato pagine negative della storia biancoverde) è un altro obiettivo.  Diversi ed interessanti i duelli tra singoli: da Acker contro Kaukenas a Blums contro Gentile passando per Silins- Nunnally fino a Veemerenko – Cervi. Una sfida tra Davide contro Golia. La Sidigas cercherà un’impresa che potrebbe aprire interessanti scenari futuri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy