“El Diablo” Esposito predica calma per Pistoia: “Ad Avellino voglio lo stesso atteggiamento visto con Trento”

“El Diablo” Esposito predica calma per Pistoia: “Ad Avellino voglio lo stesso atteggiamento visto con Trento”

Commenta per primo!

Al termine di un’altra settimana complicata (Filloy sempre fermo ai box, Czyz a riposo da due giorni per una botta rimediata alla schiena e Blackshear alle prese con i già noti problemi al al polso), coach Esposito la prende con filosofia: “Paradossalmente -sono le parole del tecnico biancorosso in sede di presentazione della partita di Avellino- anche se lontano da casa, la situazione di domenica sarà più semplice di quella che abbiamo dovuto affrontare con Trento. Non perché il roster degli irpini sia più debole, anzi, ritengo Avellino a oggi la squadra che più ha tratto giovamento dagli innesti in corsa: credo però che se la settimana scorsa il fatto di allenarsi in sei più quattro under rappresentava una novità assoluta, beh, stavolta almeno non è stato così. Diciamo -chiarisce Esposito- che arriviamo alla partita del PalaDelMauro più tranquilli e consapevoli”.

Consapevoli che sarà una partita sicuramente molto difficile, anche perché, oltre ai problemi interni alla squadra biancorossa, dall’altra parte del campo ci sarà un Avellino in splendida forma, reduce dal prestigioso successo del Forum: “Molte squadre hanno cambiato fisionomia rispetto al girone di andata -afferma Esposito- ma Avellino senza dubbio è quella che a oggi ha ottenuto i vantaggi maggiori: affrontiamo una squadra da primi cinque posti, che ha veramente svoltato. In questo momento, al completo, sarebbe una partita in cui potremo giocarcela, ma così, in queste condizioni, pare quasi una barzelletta l’idea di provare ad andare a fare risultato domenica. Non voglio girarci intorno, ma il nostro obiettivo -chiarisce il tecnico- credo sia quello di provare a fare una partita solida come abbiamo fatto contro Trento e semmai Avellino dovesse concederci qualche chance, provare a coglierla.”

Ieri lo scrimmage con Bottegone è stata un’utile occasione per effettuare esperimenti in vista della partita del PalaDelMauro, soprattutto per testare i più giovani, che, dopo Trento, saranno chiamati a dare altri minuti significativi anche ad Avellino: “Questi test -spiega Esposito- servono soprattutto in queste occasioni in cui non siamo al meglio e dunque trovare la giusta intensità in allenamento non è semplice. Sono soddisfatto delle risposte avute dai ragazzi, così come sono soddisfatto di quello che mi hanno dimostrato con Trento: ovviamente il ruolo di Severini è un ruolo diverso da quello di Mastellari, quindi anche i tempi di maturazione dei due giocatori sono differenti ed è necessario avere pazienza.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy