“La personalità di Valerio sarà decisiva nel progetto della Sidigas”

“La personalità di Valerio sarà decisiva nel progetto della Sidigas”

Lo ricordate Marco Aloi? A distanza di nove mesi dal suo addio alla Scandone (era il settembre dello scorso anno quando in città e sui media nazionali si parlava del ritardo relativo all’avvio di preparazione della Sidigas) l’ex Direttore Operativo ritorna nel mondo della palla a spicchi. Da pochi giorni è entrato a far parte della dirigenza della Consultinvest Pesaro di cui è anche in questo il Direttore Operativo. Una nuova avventura per il partenopeo dopo quelle con la squadra della sua città d’origine, a Biella e con gli irpini.

Mi hanno convinto il progetto e le persone che sono dietro ad esso, oltre alla grande serietà della società. E’ rinata due anni fa dopo un’esistenza trascorsa interamente sotto la gestione di Scavolini sia come proprietario sia come sponsor. Dopo l’uscita di Scavolini, a Pesaro sembrava  dovesse arrivare un terremoto, si correva il rischio che la società potesse scomparire. La volontà di Ario Costa, e il consolidamento del consorzio, hanno permesso che questa realtà non uscisse fuori dai radar della pallacanestro italiana”  racconta telefonicamente lo stesso Aloi.  Dopo la parentesi come Direttore Generale dell’ADN Swim Project, il richiamo per la pallacanestro è stato forte e alla chiamata di Costa è bastato poco per accettare la proposta: “Il basket mi è mancato non poco. Non ci ho pensato dieci volte quando mi è stata presentata la possibilità di rientrare in questo mondo a cui sono legatissimo. Mi piace sottolineare anche che non avrei accettato se non vi fosse stato un progetto serio. La telefonata di Ario Costa, con cui avevo già lavorato in passato, ha inciso molto sulla mia scelta, spingendomi a lasciare ciò di cui mi stavo occupando.”  Guardando alle vicende irpine, la Sidigas ha deciso di puntare su Valerio Spinelli come direttore sportivo ma anche uomo che possa fungere da collante tra il roster (che nascerà) e l’ambiente. Aloi non vuol dar consigli ma qualche semplice suggerimento: “Si tratta di un’avventura di vita, avendo lasciato il parquet da qualche mese. Non mi permetto di dare consigli ma gli suggerisco di mettere molto del suo carattere in questo lavoro, molta cazzimma che lui aveva  anche in campo. Mi sento di dirgli questo. Sarà importante anche confrontarsi con le persone che hanno un po’ più di esperienza di lui così da poter crescere facendo un passo alla volta.” Aloi, come  noto, ha instaurato un forte legame con la città di Avellino in cui ha lasciato tanti amici e che ritroverà da avversario quando si sfideranno Scandone e Consultinvest: “Ad Avellino continua a vivere la mia famiglia ed ho un affetto particolare per questa piazza, Questo è innegabile. Nel momento in cui ci giocheranno queste due partite, le affronterò con un’emozione particolare. Quando ritornerò ad Avellino, saluterò tanti amici in una città che mi ha accolto bene e in cui si vive tranquillamente.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy