La Sidigas sogna la “remuntada” playoff con un Trasolini in più

La Sidigas sogna la “remuntada” playoff con un Trasolini in più

Con l’arrivo di coach Frates è il giocatore che ha maggiormente beneficiato del cambio in panchina. Marc Trasolini è l’elemento in più in questo scorcio finale del campionato della Sidigas Avellino che ha ripreso la preparazione in vista del doppio impegno casalingo che scatterà lunedì col posticipo della 26° giornata in cui i biancoverdi se la vedranno contro la Giorgio Tesi Group Pistoia.

I dieci punti uscendo dalla panchina realizzati sabato sera a Roma sono il segnale di una reazione scaturita nel cestista uscito da Santa Clara University dopo un periodo in cui era finito nell’ombra nonostante  coach Vitucci gli avesse garantito un certo minutaggio.  Le difficoltà incontrate dal sodalizio biancoverde sotto la precedente gestione hanno avuto il loro peso sul rendimento dell’ex Vuelle Pesaro che ha faticato molto nel poter esprimere tutte le proprie doti apprezzare la scorsa stagione con gli adriatici. La scossa arrivata parallelamente all’innesto di Frates ha ulteriormente accelerato quel processo di riscatto che lo stesso Trasolini aveva in serbo già da qualche tempo.

Quando si è presentato alla stampa irpina lo scorso 22 settembre aveva parlato di “sognare una stagione perfetta”. Le ultime tre gare giocate hanno ridato slancio alle ambizioni dell’italo-canadese  il cui torneo non ha rispecchiato le iniziali ambizioni. Poter dare il proprio contributo in questi restanti cinque appuntamenti è uno dei punti a favore su cui coach Frates farà affidamento. Tra i vari giocatori della panchina, il classe ’90 si è rivelato colui che ha convinto di più e, al tempo stesso, ha fornito maggiori segnali di affidabilità rispetto a capitan Cavaliero (la cui personale crisi non accenna ad arrestarsi) e a Lechthaler.

La Sidigas, dunque, si prepara ad una “remuntada” con un Trasolini in più.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy