Legabasket: Reggio Emilia fa il tifo per la Sidigas, Milano attesa dall’Enel

Legabasket: Reggio Emilia fa il tifo per la Sidigas, Milano attesa dall’Enel

Grande equilibrio tra il quinto e l’ottavo posto, Torino vuole il poker

Dopo la sconfitta sul parquet di Capo d’Orlando, l’EA7 Emporio Armani Milano cerca un immediato riscatto nella 12esima giornata di ritorno della regular-season, in programma domani. Nel posticipo delle ore 20.45, l’Olimpia capolista è attesa sul sempre ostico impianto dell’Enel Brindisi, che potrebbe festeggiare, Bucchi permettendo, la 150esima presenza in Serie A di Marzaioli. Assenti nelle fila dell’Olimpia Andrea Cinciarini e Alessandro Gentile, la rotazione sarà limitata a otto giocatori più Daniele Magro. Aggregati Ruben Calò, Simone Vecerina e Miguel Pena. “Rispetto a Capo d’Orlando recuperiamo un playmaker, Oliver Lafayette, e questo ci aiuterà nella gestione della gara ma la perdita di Gentile unita a quella di Cinciarini significa che dovremo ancora giocare con una squadra molto corta nelle rotazioni”, si rammarica Repesa. Impegno in trasferta anche per la seconda della classe, la Grissin Bon Reggio Emilia, che se la vedrà al PalaMaggiò con la Pasta Reggia Caserta senza i lunghi Vladimir Golubovic e Darjus Lavrinovic, rimasti a casa per proseguire con i rispettivi programmi di riabilitazione. Sarà assente anche Ojars Silins, dovuto rientrare in Lettonia per gravi problemi familiari, rientra Gentile e c’è il debutto per il nuovo arrivato Salvatore Parrillo, ex di turno. “La squadra si è allenata con intensità e consapevolezza, seppur stia vivendo un’emergenza nell’emergenza”, assicura Menetti, “pur affrontando una delle formazioni più forti e in palla del campionato, io e i miei giocatori crediamo di poterci assolutamente giocare, nonostante tutto, le nostre chance di vittoria”, avverte sul fronte campano coach Dell’Agnello.

La Manital Torino, nel suo miglior momento, cercherà di riaprire definitivamente il discorso salvezza: impresa non certo semplice, visto che la matricola piemontese dovrà incrociare i campioni d’Italia del Banco di Sardegna Sassari, in ripresa dopo una stagione fin qui troppo altalenante. “Torino è ultima ma nelle ultime 5 gare ha giocato da playoff”, il monito di Pasquini che recupera Sacchetti. Dopo l’eliminazione dalle semifinali dell’Eurocup, la Dolomiti Energia Trentino ospita l’Acqua Vitasnella Cantù per dimenticare la delusione continentale. Per l’occasione Maurizio Buscaglia non potrà ancora una volta disporre di Jamarr Sanders, non ancora completamente recuperato dalla distorsione alla caviglia destra, ma avrà dalla sua il contributo di Jared Berggren, che ha iniziato la stagione proprio con la maglia di Cantù prima di essere messo ai margini delle rotazioni dall’arrivo sulla panchina brianzola di coach Bazarevich.
L’Acqua Vitasnella dovrà invece fare a meno di Wojciechowski, colpito da una forma virale: al suo posto a referto andrà il giovane Curtis Nwhuocha. Roko Ukic ha invece perfettamente recuperato dalla lombalgia che lo aveva afflitto a inizio settimana. Clima euforico, vince, in casa Openjobmetis Varese: i biancorossi, freschi dell’ingresso della Final Four della Fiba Europe Cup, scenderanno in campo per affrontare l’Umana Venezia in una classica dei canestri italiani che si ripeterà per la 90esima volta (i lombardi conducono nei precedenti per 56-31, con due pareggi). “Abbiamo voglia di fare una bella figura contro una big del campionato”, dice coach Moretti mentre De Raffaele recupera sia Green che Goss e non crede alla stanchezza della Openjobmetis: “è una partita importante, da affrontare con grande attenzione, ma ritengo che noi siamo in condizione per portare via due punti importanti per Varese, ma altrettanto per noi”. Sfida interessante, infine, tra la Giorgi Tesi Group Pistoia, che ha Antonutti a soli due canestri dai duemila punti in campionato e la Obiettivo Lavoro (out Gaddy e Pittman). La Betaland Capo d’Orlando, con Lydeka a -31 dai mille in A, vuole chiudere il discorso salvezza sul parquet di una diretta rivale come la Consultinvest Pesaro che per l’occasione ritirerà la maglietta n. 6 di Walter Magnifico.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy