“Lei è troppo alto, scenda dall’aereo”

“Lei è troppo alto, scenda dall’aereo”

E’ l’ultimo acquisto di mercato in casa biancoverde. Riccardo Cervi, il nuovo centro della Sidigas Avellino che giocherà la Trentino Cup (da oggi fino a sabato 1 agosto) con la maglia della Nazionale Italiana, nel mese di marzo del 2014 è stato protagonista di un simpatico episodio.

Con la Grissini Bon Reggio Emilia, il pivot classe 91′  era in viaggio verso Samara dove la compagine di Menetti era attesa da un match che valeva la qualificazione alla Final Four di Eurochallenge (vinta poi dagli emiliani). Come riportato in quei giorni dal sito gazzetta.it, Cervi fu impossibilitato a salire a bordo del boing che doveva portare la squadra da Mosca a Samara. A respingere il cestista fu lo stesso comandante con un messaggio chiaro: “Lei è troppo alto, scenda dall’aereo.”  Per eccessiva altezza si intendono i 213 centimetri di Cervi. Gli interventi dell’A.d. Della Salda (telefonata al Console italiano) e di Kaukenas non furono sufficienti a smuovere il comandante dalla sua decisione.

Il centro reggiano fu costretto a dormire sulle panchine dello scalo aereo moscovita in compagnia del team manager Barozzi. L’intoppo fu risolto quando Cervi salì sull’aereo successivo, potendo raggiungere i suoi compagni di squadra e contribuire alla vittoria della Grissini Bon.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy