Rastelli: «Il ko di Novara un semplice episodio. Vogliamo riscattarci contro il Latina»

Rastelli: «Il ko di Novara un semplice episodio. Vogliamo riscattarci contro il Latina»

Massimo RastelliIl ko di Novara non ha tolto certezze e il sorriso a Massimo Rastelli che medita col suo Avellino di riscattare contro il Latina di mister Breda la sconfitta subita sabato scorso allo stadio “Piola”. Evitare gli errori commessi e recuperare la forma psico –fisica del girone d’andata le priorità per il gruppo biancoverde.

«Siamo pronti come sempre a ripartire, facendo le giuste riflessioni su quelle che non ha funzionato. Quell’incognita sulla pausa lunga si è verificata. A Novara siamo durati un tempo.  Sarà importante ritrovare il giusto ritmo partita».

Rastelli fa un piccolo passo indietro ritornando al match disputato contro i piemontesi: «Ho visto il solito Avellino. Squadra compatta, determinata che ha concesso poco all’avversario. Abbiamo segnato e creato tre occasioni per chiuderla. Nel secondo tempo siamo calati e non siamo riusciti a ripartire. Il Novara ha pareggiato su calcio di punizione e segnato quando noi avevamo tre giocatori infortunati. La sconfitta ci può stare. Adesso dobbiamo soltanto pensare al Latina».

Il tecnico di Torre Annunziata elogia l’ottimo lavoro svolto dal suo collega Breda: «Da quando ha assunto la guida tecnica nella squadra sono cambiate tante cose. Certamente sarà una partita tra ventidue giocatori pronti a darsi battaglia. Il Latina è una squadra dalla grandissima fisicità; sono molto pericolosi sulle palle inattive. Per quanto ci riguarda dobbiamo essere ancora più attenti».

Il pubblico, il calore dei tifosi biancoverdi sarà un elemento in più per Galabinov e compagni: «Conosciamo il nostro pubblico e sappiamo la forza che ci danno. Non a caso, in casa riusciamo sempre a dare il massimo».

Infine il tecnico dei lupi esprime la sua opinione sull’ultimo arrivato Samuele Pizza (domani non ci sarà perché squalificato dal Giudice Sportivo): «Ha grande gamba, è molto dinamico. Può ricoprire il ruolo di centrocampista esterno e interno. Se l’ho scelto vuol dire che credo molto in lui. Mi auguro che possa inserirsi presto».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy